Autore: a.merenda Topic: 2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no  (Letto 4012 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Franco Nero

  • Grande Scriba
  • ****
  • Post: 432
  • Sesso: Maschio
Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
« Risposta #15 il: 09:28:04 am, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Caro Nello, Pansa lo leggo da molto, tu quale libro hai letto di Pansa?..ti dico di più..in questi giorni sto leggendo "IL SANGUE DEL SUD" di Giordano Bruno Guerri, notariamente uno storico comunista...te lo consiglio.

    Offline Nello Bongiovanni

    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.862
    • Sesso: Maschio
    • Dirigente Provinciale del PDL
      • http://www.bongiovanni-gagliani.it
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #16 il: 11:11:33 am, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Leggere Pansa vedo che non ti è servito a molto...io ti prometto di leggere il libro da te consigliato...


    Caro Nello, Pansa lo leggo da molto, tu quale libro hai letto di Pansa?..ti dico di più..in questi giorni sto leggendo "IL SANGUE DEL SUD" di Giordano Bruno Guerri, notariamente uno storico comunista...te lo consiglio.
    --------
    Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo.
    Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.

    Offline Maurizio La Rosa

    • Scriba del Forum
    • ***
    • Post: 234
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #17 il: 12:32:47 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Citazione
    Carmelo non mi hai risposto...e ti chiarisco...è stato condannato mastella e la moglie
    Non è stato condannato perchè il processo è in "itinere". Dopo varie vicessitudini, a marzo del 2011, un tribunale, per quei fatti, ha rinviato a giudizio Clemente e la moglie.

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #18 il: 13:01:31 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Cerchiamo di ritornare in topic.

    La domanda è: la comunità italiana reagirà lapidando i malvagi politici corrotti con relativo lancio di monetine e tintinnio delle manette oppure si darà un nuovo assetto politico con una transizione più soft?


    Traducendo: Berlusconi tirerà il conflitto fino alla fine oppure Casini riuscirà a diventare presidente del consiglio (Maroni, Bersani, Di Pietro e Vendola permettendo?)

    PS: su Mastella penso che l'attacco fu innanzitutto politico e suicida per tempistica. Mandante (politico) Veltroni. Prodi ne subì le conseguenze e Berlusconi si fece una risata.

    Offline Carmelo Di Mauro

    • Scriba del Forum
    • ***
    • Post: 160
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #19 il: 14:03:13 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish

  • Testo giornalistico

    ........ una folla invase Largo Febo e attese Craxi all'uscita dell'hotel Raphael, l'albergo che da anni era la sua dimora romana.

    Quando Craxi uscì dall'albergo, i manifestanti lo bersagliarono con lanci di oggetti, insulti e soprattutto monetine e cantilene irridenti.

    Quest'episodio, ritrasmesso centinaia di volte dai TG, viene preso come simbolo della fine politica di Craxi.

    Fine testo

    Che la storia possa ripetersi, democraticamente.
    Carmelo Di Mauro

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #20 il: 14:36:23 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • In effetti in quel caso parte della popolazione si "diede appunatmento" in un posto per "fare un'azione collettiva" che a quel momento rappresentava ciò che la maggioranza degli italiani (probabilmente) avrebbe voluto fare in prima persona..

    Quindi legittimazione sociale e politica. Quindi esercizio di potere popolare. Quindi democrazia vera e propria secondo il modo in cui personalmente io la intendo (ispirandomi all'etimologia: ciò che il popolo decide di compiere - ammesso il potere reale di farlo - è , di per se, legge, giusto o sbagliato che sia)

    Ma il punto non è questo.

    Il problema è lo strascico del dopo e sulla base di cosa si sono riaggregati gli interessi ed i poteri.

    Il punto è che l'abuso del potere giudiziario (autonomo come suggerito da Montesquieu ed in grado per questo di far rispettare le leggi e  bilanciare quello legislativo (fare leggi) e quello esecutivo (applicarle) nell'ambito dell'impalcatura teorica dell c.d. democrazia rappresentativa)  fornì la giustificazione al potere politico tendente all'autoritarismo berlusconiano di presentarsi col volto penoso della vittima storpiando quel poco di tessuto civico che ci eravamo costruiti con le lotte per l'emancipazione e i diritti politici e sociali, puntando dritto alla delegittimazione della funzione del legislativo e del giudiziario e veleggiare verso l'assolutismo.

    Quindi: mi sa che ci conviene dibattere sulle argomentazioni nel merito piuttosto che su sentimenti e prese di posizione da "tifosi". Una falla culturale a genesi del pastrocchio dell'ultimo ventennio io la individuo, per esempio, nella questione carceraria.


    Un dato a proposito di valenza della pena , quindi della "rieducazione": a che punto siamo con l'armonizzazione dei codici penali a livello europeo? E sulla normativa relativa alla carcerazione (quale pena e come? quali reati? cosa depenalizzare? quali carceri? dove?).
    Siamo, noi italiani, un popolo "civile" in questo senso? Riusciamo a "rieducare" oppure siamo buoni solo a umiliare?


    Insomma: mi spaventa molto la cultura italico-lapidatoria (anche un pò ipocrita e tutt'altro che anarcoide come taluni tentano di definire coloro i quali provano rancore verso istituzioni e chi le incarna attualmente).
    Mi sa di popolo immaturo. Di quelli che pensano che il nostro problema sia riconducibile ad una persona e non ad un sistema di cose.
    Di quelli che dicono che siccome Berlusconi va a puttane l'Italia va a puttane e non va bene ma se a puttane ci va il suo compagno di partito perchè "non ha una così grande responsabilità" allora la cosa si può discutere.
    Ecco, il punto è: sono le puttane di Berlusconi il problema oppure il fatto che non riusciamo ad attaccare il suo sistema di potere nel merito individuandone e svelandone le assurdità e le inefficienze?

    E, badate bene, nel sistema di potere di cui è il capo la sinistra c'è dentro fino al collo da un bel pezzo. Si veda questione del quinquennio 96-2011 sulla mancata legge sul conflitto d'interessi o pluralità d'incarichi o partecipazioni societarie o come la si vuole chiamare..

    Ergo: il popolo dovrebbe essere un pò più critico (non violento) con il politico che gli è prossimo e non mostrarsi prono ed accondiscendente quanto può "acchiappare" e combattivo-delirante " quando "non c'è trippa per gatti"..


    Semu speciali
    « Ultima modifica: 14:44:33 pm, 29 Luglio 2011 da Tito »

    Offline Carmelo Di Mauro

    • Scriba del Forum
    • ***
    • Post: 160
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #21 il: 15:40:10 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Non so' se i tempi sono maturi, ma se  parte della popolazione, come ho fatto io, ha modificato il sentimento di fiducia verso questo sistema, corrotto, anzi, verso gli uomini che indecorosamente la rappresentano, allora esiste ancora margine di  ''speranza'' di cambiamento. 
     
    Il mio non e' lo sfogo del tifoso ''tradito'' ( anche perché gli interessi in ballo sono altissimi), bensì, l'analisi di un cittadino stanco di vedere calpestati i propri ed altrui diritti.

     Viviamo dietro le vicende personali di uno squilibrato!
      (i procedimenti giudiziari che lo riguardano non sono la causa di una identità politica, bensì l'effetto della vita immorale e criminale di un uomo che oggi e' colpito da un delirio di onnipotenza)

    Cosa fare, aspettare che il buon Dio esaurisca naturalmente la sua presenza o, come la vedo io, sollevere le coscienze per ripetere il miracolo del Raphael.
     
    Capisco che recidendo la testa del dragone i tentacoli, compresi quelli della sinistra buonista, resteranno, come un cancro, attaccati al sistema, ma ritengo possa essere l'inizio di una storia diversa.

    Carmelo Di Mauro


    Citazione Tito:
    In effetti in quel caso parte della popolazione si "diede appunatmento" in un posto per "fare un'azione collettiva" che a quel momento rappresentava ciò che la maggioranza degli italiani (probabilmente) avrebbe voluto fare in prima persona..

    Quindi legittimazione sociale e politica. Quindi esercizio di potere popolare. Quindi democrazia vera e propria secondo il modo in cui personalmente io la intendo (ispirandomi all'etimologia: ciò che il popolo decide di compiere - ammesso il potere reale di farlo - è , di per se, legge, giusto o sbagliato che sia)

    Ma il punto non è questo.

    Il problema è lo strascico del dopo e sulla base di cosa si sono riaggregati gli interessi ed i poteri.

    Il punto è che l'abuso del potere giudiziario (autonomo come suggerito da Montesquieu ed in grado per questo di far rispettare le leggi e  bilanciare quello legislativo (fare leggi) e quello esecutivo (applicarle) nell'ambito dell'impalcatura teorica dell c.d. democrazia rappresentativa)  fornì la giustificazione al potere politico tendente all'autoritarismo berlusconiano di presentarsi col volto penoso della vittima storpiando quel poco di tessuto civico che ci eravamo costruiti con le lotte per l'emancipazione e i diritti politici e sociali, puntando dritto alla delegittimazione della funzione del legislativo e del giudiziario e veleggiare verso l'assolutismo.

    Quindi: mi sa che ci conviene dibattere sulle argomentazioni nel merito piuttosto che su sentimenti e prese di posizione da "tifosi".

    Omissis
    « Ultima modifica: 15:43:46 pm, 29 Luglio 2011 da Carmelo Di Mauro »

    Offline Nello Bongiovanni

    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.862
    • Sesso: Maschio
    • Dirigente Provinciale del PDL
      • http://www.bongiovanni-gagliani.it
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #22 il: 15:53:07 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Forse non riesco a farmi capire...esempio...se avessimo avuo la possibilità di ascoltare le telefonate mentre si mettevano d'accordo sulle ultime nomine all'IAS...cosa ascoltavamo che queste persone senza dubbio perbene sono state messe per meriti o perchè indicati dai partiti compreso il PD? Bene il punto a cui io voglio arrivare è quello che se Papa...Milanesi...Mastella...fanno queste porcate e solo quelle di una parte stranamente si sentono...gli altri non sono da meno...a prescindere dalla persona Berlusconi corrotto...delinquente...pedofilo...e mettiamolo pure alla forca...la cosa a cui invece dobbiamo riflettere che i cittadini che poi sono in tanti a criticare tutto ciò appena arriva il primo appuntamento elettorale...i vari potenti della politica di Destra e di Sinistra ancora oggi fanno il pieno di voti...


    Non so' se i tempi sono maturi, ma se  parte della popolazione, come ho fatto io, ha modificato il sentimento di fiducia verso questo sistema, corrotto, anzi, verso gli uomini che indecorosamente la rappresentano, allora esiste ancora margine di  ''speranza'' di cambiamento. 
     
    Il mio non e' lo sfogo del tifoso ''tradito'' ( anche perché gli interessi in ballo sono altissimi), bensì, l'analisi di un cittadino stanco di vedere calpestati i propri ed altrui diritti.

     Viviamo dietro le vicende personali di uno squilibrato!
      (i procedimenti giudiziari che lo riguardano non sono la causa di una identità politica, bensì l'effetto della vita immorale e criminale di un uomo che oggi e' colpito da un delirio di onnipotenza)

    Cosa fare, aspettare che il buon Dio esaurisca naturalmente la sua presenza o, come la vedo io, sollevere le coscienze per ripetere il miracolo del Raphael.
     
    Capisco che recidendo la testa del dragone i tentacoli, compresi quelli della sinistra buonista, resteranno, come un cancro, attaccati al sistema, ma ritengo possa essere l'inizio di una storia diversa.

    Carmelo Di Mauro


    Citazione Tito:
    In effetti in quel caso parte della popolazione si "diede appunatmento" in un posto per "fare un'azione collettiva" che a quel momento rappresentava ciò che la maggioranza degli italiani (probabilmente) avrebbe voluto fare in prima persona..

    Quindi legittimazione sociale e politica. Quindi esercizio di potere popolare. Quindi democrazia vera e propria secondo il modo in cui personalmente io la intendo (ispirandomi all'etimologia: ciò che il popolo decide di compiere - ammesso il potere reale di farlo - è , di per se, legge, giusto o sbagliato che sia)

    Ma il punto non è questo.

    Il problema è lo strascico del dopo e sulla base di cosa si sono riaggregati gli interessi ed i poteri.

    Il punto è che l'abuso del potere giudiziario (autonomo come suggerito da Montesquieu ed in grado per questo di far rispettare le leggi e  bilanciare quello legislativo (fare leggi) e quello esecutivo (applicarle) nell'ambito dell'impalcatura teorica dell c.d. democrazia rappresentativa)  fornì la giustificazione al potere politico tendente all'autoritarismo berlusconiano di presentarsi col volto penoso della vittima storpiando quel poco di tessuto civico che ci eravamo costruiti con le lotte per l'emancipazione e i diritti politici e sociali, puntando dritto alla delegittimazione della funzione del legislativo e del giudiziario e veleggiare verso l'assolutismo.

    Quindi: mi sa che ci conviene dibattere sulle argomentazioni nel merito piuttosto che su sentimenti e prese di posizione da "tifosi".

    Omissis
    --------
    Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo.
    Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:2012 COME IL 1992? Auguriamoci di no
    « Risposta #23 il: 15:59:36 pm, 29 Luglio 2011 »
  • Publish
  • Non conta la potenza quanto l'autorevolezza

    La prima passa. La seconda...fino a prova contraria!

     

    Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

    Facebook Comments

    Link Consigliati:
    Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

    Increase your website traffic with Attracta.com
    Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

    WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!