Autore: a.merenda Topic: Droga, un appello da personalità mondiali.  (Letto 1131 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
Droga, un appello da personalità mondiali.
« il: 19:25:18 pm, 06 Agosto 2011 »
  • Publish
  • Da Kofi Annan a Vargas Llosa: “Legalizzare"

    “La guerra mondiale alla droga ha fallito". Ad affermarlo è la ‘Global Commission on Drug Policy’, composta da grandi nomi internazionali, dalla politica alla cultura. Che in una petizione presentata all'Onu chiederanno agli Stati di rivedere le politiche di contrasto

    La copertina del rapporto della 'Global Commission on Drug Policy' che chiede un cambiamento negli strumenti di contrasto alla tossicodipendenza “Il proibizionismo non funziona e non conviene, è una forma di repressione sociale di massa che garantisce fiumi di denaro a terrorismo e narcomafie”. Lo afferma da sempre il segretario dei Radicali, Mario Staderini. Che da oggi potrebbe avere un alleato insospettabile: l’Onu. “La guerra mondiale alla droga ha fallito con devastanti conseguenze per gli individui e le comunità di tutto il mondo” scrive la ‘Global Commission on Drug Policy‘, in un rapporto presentato a New York. L’organismo più alto in materia  ha annunciato l’inizio di una petizione internazionale: milioni di firme da presentare alle Nazioni Unite affinché gli Stati si convincano a cambiare gli strumenti finora usati per contrastare la tossicodipendenza. Disposizioni fallimentari che, si legge nel rapporto, hanno portato solo a carceri piene e migliaia di vittime. La strada, da oggi, dev’essere piuttosto quella di puntare a una “riduzione del danno”, contrastando prima di tutto la vera base del traffico di droga: la criminalità organizzata. In una parola: legalizzare.

    L’appello arriva da personalità mondiali e insospettabili. Tra loro, anche l’ex presidente dell’Onu, Kofi Annan. E ancora, tra i politici, l’ex commissario Ue, Javier Solana, l’ex segretario di Stato statunitense, George Schultz e diversi ex presidenti. Alcuni con una profonda conoscenza diretta del tema, come il colombiano Cesar Gaviria. Ma la lista dei nomi coinvolti comprende anche personalità del mondo della cultura: come il premio Nobel per la letteratura peruviano, Mario Vargas Llosa, e lo scrittore messicano Carlos Fuentes. E ancora esperti come il francese Michel Kazatchkine, direttore del Fondo mondiale contro l’Aids, la tibercolosi e la malaria.

    “Trattare i tossicodipendenti come pazienti e non criminali”. E’ questa l’idea di fondo della commissione. Che nel rapporto da un po’ di numeri per far comprendere come negli scorsi decenni “le politiche di criminalizzazione e le misure repressive – rivolte ai produttori, ai trafficanti e ai consumatori – hanno chiaramente fallito”. In dieci anni, dal 1998 al 2008, il consumo di cannabis è aumentato dell’8,5 per cento. E va peggio con le cosiddette ‘droghe pesanti’: nello stesso periodo, il numero dei consumatori di cocaina è cresciuto del 27 per cento. Una percentuale che nasconde circa tre milioni e mezzo di persone in più.

    Oltre a chiedere una presa di coscienza internazionale, la commissione propone però una soluzione. Per una vera lotta alla tossicodipendenza, è necessario introdurre “forme di regolarizzazione che minino il potere delle organizzazione criminali”. Come? “Incoraggiando la sperimentazione di modelli di legalizzazione”. Solo così, secondo la commissione, sarà possibile rendere efficace il contrasto su piccola scala, quello rivolto ai coltivatori, i corrieri e gli spacciatori, “spesso vittime loro stessi della violenza e dell’intimidazione”. Oppure consumatori a loro volta. Il cambio di rotta inoltre, ricordano nel rapporto, potrebbe risolvere la problematica dell’esclusione sociale dei tossicodipendenti. A patto che le politiche adottate siano “improntate a criteri scientificamente dimostrati” e rafforzate da un’educazione familiare e scolastica.


    da: ilfattoquotidiano.it



    SEMPRE LA STESSA STORIA...L'OTTUSO PROIBIZIONISMO ED I LUMI DELLA TOLLERANZA. CORSI E RICORSI...CICLICI.

    IL SEGRETO E' L'INFORMAZIONE. LA CONSAPEVOLEZZA ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE.

    Mi scuso in anteprima con i bigotti per aver sollevato una questione sconveniente.
    Mi scuso, inoltre, con tutti coloro i quali preferiscono che le cose stiano così perchè fanno più soldi.
    Mi scuso, infine, con i benpensanti puttanieri e libidinosi ai quali, se venisse legalizzata la droga, non si drizzerebbe più al pensiero di essere al contempo garante e contravventore della regola.

    Un pensiero a tutto coloro i quali usano la droga per rifuggire la realtà. Un altro per quelli che la usano per conoscerne un'altra. L'ultimo per coloro i quali la usano per scoprirne l'essenza.

    A chi ne abusa dico questo: il troppo storpia

    NB: personalmente tratto l'argomento in maniera indistinta per tutte quelle sostanze, situazioni e contesti che consentono di alterare la percezione rispetto all'ambiente in cui ci troviamo (TV compresa)


    Offline Francesco Di Mauro

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 627
    • Sesso: Maschio
    Re:Droga, un appello da personalità mondiali.
    « Risposta #1 il: 12:39:31 pm, 08 Agosto 2011 »
  • Publish
  • Il tema è forte, sicuramente scomodo a molti ma trattarlo con chiarezza mi pare la via migliore.
    Legalizzare? Con quali regole? Proibire? Come dice Tito un fallimento.
    L'alterazione sensoriale può essre legalizzata? Penso di si, ma qui si tratterebbe di legalizzare un qualcosa che poi deve essere fornito legalòmente.
    Dove vado a comprare la coca?, l'eroina, il crac, e tutti gli altri psico allucinogeni di oggi?
    Trattare il tossicodipendente come un paziente non come un malvivente?
    Beh facile a dirsi molto meno a farsi. Qunado il tossicodipendente delinque per avere la sua dose.
    Un ginepraio, una questione veramente con poche vie di uscita.

     

    Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

    Facebook Comments

    Link Consigliati:
    Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

    Increase your website traffic with Attracta.com
    Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

    WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!