Autore: a.merenda Topic: retroscena elezioni: retropensiero o realismo?  (Letto 1701 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
« il: 12:12:59 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • http://espresso.repubblica.it/dettaglio/sicilia-la-mafia-si-e-astenuta/2193991?ref=HREC1-8

    Sicilia, la mafia si è astenuta
    di Lirio Abbate
    In passato i detenuti facevano la fila per andare alle urne. Oggi Cosa Nostra non ha voluto scegliere e alle ultime regionali  l'astensione nelle carceri è stata pressocché totale. Per esempio a Palermo, all'istituto di pena di Pagliarelli dove quasi tutti i rinchiusi sono mafiosi, su 1.300 solo uno si è presentato al seggio
    (31 ottobre 2012)



    La mafia si è astenuta dal voto in questa tornata elettorale per eleggere il nuovo governatore e rinnovare del parlamento siciliano. Non sappiamo cosa possono aver fatto i mafiosi a piede libero, su quali scelte politiche si sono indirizzati. L'Espresso può però affermare con certezza che i boss detenuti hanno preferito non votare. E di solito i mafiosi detenuti fanno ciò che viene indicato da quelli ancora liberi. L'astensione così massiccia in tutta la Sicilia non era mai avvenuta anche fra i detenuti, tanto che i seggi aperti nelle carceri sono andati deserti. Nessuno di loro si è presentato a votare. Anche i mafiosi fanno dunque parte del popolo degli astensionisti che ha toccato quota 53 per cento.

    Per far comprendere meglio ciò che è accaduto in Sicilia basta dire che su 7.050 detenuti hanno votato solo in 46: si tratta di carcerati comuni e non di mafia. All'istituto di pena di Pagliarelli a Palermo dove si trovano rinchiusi i mafiosi, su 1.300 detenuti solo uno si è presentato al seggio elettorale, ed è in custodia cautelare per reati che non sono quelli per mafia. Stesso identico atteggiamento a Catania, Agrigento e Caltanissetta. Uno scenario che ribalta, anzi trasforma ciò che in passato è stato fatto proprio dai detenuti che facevano la fila in carcere per votare il proprio candidato che in gran parte dei casi risultava essere quasi sempre lo stesso o dello stesso partito.

    Forse adesso i mafiosi sono rimasti a guardare. Si sono allontanati da questa competizione probabilmente per tanti motivi che forse un giorno qualche collaboratore di giustizia potrà spiegare.

    Eppure in passato i mafiosi hanno sempre appoggiato il "cavallo vincente". Perché gli uomini di Cosa nostra hanno sempre avuto l'intuito di puntare sul candidato che avrebbe potuto farcela. I pentiti hanno sempre spiegato che la mafia non ha colore, e sta con chi ha il


    Tutti sapevano comunque che il partito da votare era solo uno, la Democrazia cristiana, poi negli anni Novanta le intercettazioni e le inchieste giudiziarie hanno fatto emergere che la voce del popolo della mafia faceva votare in massa per Forza Italia. In ogni caso in passato c'era l'ordine di non mettere mai la croce sotto il simbolo della falce e martello. Le cose sono cambiate negli anni Ottanta, soprattutto nella città di Palermo.

    Un pentito ha raccontato ai giudici delle famose terne e quaterne indicate dai boss di Corso dei Mille ai loro amici. Tutti candidati socialisti. Si diceva pure che dentro il carcere dell'Ucciardone le simpatie fossero concentrate sui radicali per le loro battaglie garantiste. Se si pensa che nel 1991, alle regionali di quel tempo la mafia controllava non meno di 500 mila voti. Più del 10 dieci percento dell'elettorato, una forza che poteva far saltare ogni equilibrio, che poteva aprire la strada verso i Palazzi della Regione a tanti amici degli amici. Mezzo milione di voti pilotati dai boss da una parte all'altra della Sicilia, quasi 200 mila quelli gestiti soltanto a Catania dalle cosche.

    Negli anni Novanta non erano meno di sei, sette i consiglieri comunali eletti con i voti della mafia, e non sono meno di tre i consiglieri regionali che la mafia da Catania poteva portare alla Regione siciliana. Di 180 mila voti sicuri aveva parlato il pentito Antonino Calderone al giudice Falcone. Un paio di anni prima era stato un altro collaboratore della giustizia, Vincenzo Marsala, a fare i nomi di tutti gli onorevoli della provincia palermitana favoriti dai boss corleonesi.

    Insomma, Cosa nostra in passato l'ha fatta da padrona. Fino alla scorsa tornata elettorale proprio per le regionali, quando le intercettazioni hanno svelato che alcuni deputati, così vengono chiamati in Sicilia i consiglieri regionali, avevano ottenuto voti dai mafiosi. O ancora boss che davano indicazioni per il politico da votare. Lo scorso maggio i detenuti delle carceri Pagliarelli e Ucciardone a Palermo si sono astenuti dal voto per eleggere consiglieri comunali e sindaco del capoluogo. Era il primo segnale lanciato nell'ultimo decennio dalla mafia a questa "nuova" politica. Adesso qualcosa sembra essere cambiato. E la cosa stupisce, perché Cosa nostra non si arrende così facilmente. Forse questa volta i mafiosi hanno intuito che a vincere poteva essere Rosario Crocetta che fin da subito, anche per la sua storia personale, ha tuonato contro Cosa nostra, e allora forse non era il caso di avvicinarlo. Sta di fatto che a questa tornata elettorale dalle carceri è arrivato un segnale diverso. Stare lontani da questi politici. Forse vogliono stare a guardare alla finestra e imboccare la porta d'ingresso dei politici quando sarà il momento di fare affari. Si spera, in quel caso, che la politica abbia la forza di tenersi lontana dalla mafia.





    02/11/2012 08:45
    TOTO' CUFFARO " I MIEI AMICI NELLA LSITA DI GRILLO E DI CROCETTA"

    http://tg.la7.it/cronaca/video-i618270

    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
    « Risposta #1 il: 13:29:06 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • la mia personale opinione è che il no voto appartiene alla cultura omertosa siciliana che preferisce girarsi dall'altra parte, non decidere , farsi gli affari propri

    ma onestamente devo dire che non credo assolutamente che la mafia abbia condizionato l'astensionismo , forse non hanno avuto candidati o partiti  di riferimento e questo vorrebbe dire che abbiamo finalmente un'assemblea pulita ma mi sembra un azzardo

    qui giocano un po tutti sulle ipotesi,  partendo da un assioma che non mi è mai piaciuto che in sicilia vince sempre e solo la mafia, ora è molto difficile dire che crocetta e i grillini sono mafiosi, e allora dicono che i mafiosi sono i non votanti

    e personalmente quest'associazione la ritengo sbagliata anche se fondamentalmente l'elemento tipico della cultura mafiosa l'omertà fa parte dell'atteggiamento presente nel non voto, ma è un atteggiamento culturale non  un condizionamento dei malavitosi
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
    « Risposta #2 il: 13:53:07 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • nel non voto c'è anche la componente anarchica

    quanto all'accostamento pilotato mafia-Sicilia con me sfondi una porta aperta

    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
    « Risposta #3 il: 14:03:43 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • nel non voto c'è anche la componente anarchica

    se per componente anarchica intendi il sostanziale qualunquismo e indifferenza verso le istituzione che contraddistingue il popolo siciliano  sono d'accordo, se intendi una componente ideologizzata  no.


    quanto all'accostamento pilotato mafia-Sicilia con me sfondi una porta aperta
    lo so, infatti mi riferivo all'articolo, non capisco perchè non differenzi il tuo pensiero dall'articolo  che proponi

    comunque per ora la stampa deve proporre certe letture per salvare l'assioma che sta alla base delle loro conoscenze culturali
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
    « Risposta #4 il: 14:09:24 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • alla base di conoscenze culturali ed impostazione politica economica nazionale da decenni...


    sugli anarchici (quelli veri) non dico che sia un numero rilevante ma ci sono e sempre ci saranno ed il loro voto manca sempre.

    non si tratta di qualunquismo ma di lucida concezione politica secondo la quale con il voto si legittimerebbero istituzioni che non sono riconosciute giuste



    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:retroscena elezioni: retropensiero o realismo?
    « Risposta #5 il: 14:44:31 pm, 02 Novembre 2012 »
  • Publish
  • dai antonio, di anarchici veri alla bakunin  non ho mai conosciuto uno e che quelli che non siano andati a votare abbiano fatto ragionamenti politico economici non ci credo manco un po, la maggioranza è gente che non si interessa per niente ne alla vita pubblica ne alla vita politica della regione, non legge giornali

    forse è anche possibile che negli ultimi anni i politici per mancanza di soldi non sono andati a soddisfare le clientele che a questo punto non sono andate a votare, ma a me sembra che sia stata più una protesta irrazionale perchè l'aria che si respirava era questa
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

     

    Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

    Facebook Comments

    Link Consigliati:
    Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

    Increase your website traffic with Attracta.com
    Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

    WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!