Autore: SC Topic: Caso Marazzo e la debolezza di un sistema  (Letto 2563 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
« il: 02:20:13 am, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • Il caso Marazzo offre uno spunto ad una valutazione sul nostro sistema istituzionale.

    Marazzo coinvolto in uno scandalo a base di trans o come dice lui di debolezze private è stato costretto alle dimissioni, Non mi interessa se queste debolezze hanno una valenza poltica o meno, penso che un politico dovrebbe essere consapevole di rinunciare alla vita privata contrappasso al suo esercizio del potere, tuttavia se ci pensiamo un problema di un singolo uomo , una debolezza penalmente non rilevabile, sta conducendo a nuove elezioni e quindi ad una nuova  potenziale politica.

    Non so se ci si rendo conto del grave difetto insito in questo sistema è sufficiente mirare all'uomo per distruggere un intera politica scelta dagli elettori.

    è un problema posto anche da berlusconi che lo usa come scudo personale, egli e la sua politica hanno havuto una legittimazione popolare ad governare, tuttavia gli scandali  di tutti i livelli affliggono la sua PERSONA stanno logorando lo stato, sappiamo quali sono state le sue proposte sostanzialmente l'immunità, che è politica una cosa  che crea ancora + sospetto e peggiora la situazione.

    quando si pensa a livello istituzionale bisognerebbe non dare per scontato tuttavia il  torto berlusconi o l'opposto.

    mi spiego meglio , l'ipotesi che un potere dello stato possa attaccare un altro potere non è inverosimile potrebbe accadere, e forse sta accadendo ,che la magistratura assuma un ruolo politico, il problema è come impedire ciò in linea generale senza introdurre degli arbitri come aveva sostanzialmente proposto berlusconi col lodo alfano.

    un uomo politico che venga protetto per legge è come ha fatto notare la corte costituzionale una violazione della parità dei cittadini del resto  se basta un magistrato o un carabinieri che magari abusano del loro potere per mettere in crisi un governo questo anche è un offesa al diritto dei cittadini a scegliere i propri governanti e le idee rappresentate dai partiti.

    Non capisco perchè nessuno guardi al sistema AMERICANO, gli americani non si limitano a votare i presidenti  e i governatori, votano anche i vicepresidenti e i vicegovernatori, e se per caso causa malattia,o dimissioni il presidente o il governatore non possono + esercitare allora il vice assume il ruolo + in alto.

    non so se vi rendete conto della grande forza di questo sistema nella sua semplicità

    esempio pratico nel lazio in questa occasione
    il centro sinistra vince le elezioni con piero marazzo, quindi avrebbe il ditto a governare per 5 anni quella regione
    Marazzo viene ricattato da 4 carabinieri , la cosa diventa pubblica e Marazzo è costretto alle dimissioni travolto dallo scandalo "personale"
    il lazio deve tornare alle elezioni , spendere nuovi soldi per scegliere, rimettere tutto in discussione senza che magari l'efficacia dell'insieme della politica di centro sinistra possa essere realmente valutato.
    4 carabinieri sfigati hanno avuto la capacità di distruggere la decisione di milioni di persone e di bruciare migliaia di euro dello stato.
    questo perchè il governo coincide con quell'uomo cessa l'uomo cessa la carica
    se invece la carica passasse al vice presentato a suo tempo durante le elezioni (come in america) si potrebbe continuare almeno in parte la politica legittimata dal voto popolare.

    stesso discorso per la presidenza del consiglio, se berlusconi potesse rassegnare le dimissioni senza che questo implicasse la caduta di un intero governo e quindi di tutti coloro che dipendono da lui sarebbe + difficile trovare degli yesman a tutto quello che fa nella sua corte.
    nello stesso tempo sarebbe + difficile avere una stampa o una magistratura che attacchi la presidenza del consiglio  su motivi poco fondati per scopi politici
    a cosa servirebbe se dovrebbero comunque aspettare la scadenza naturale del mandato per le elezioni?


    lo scandalo watergate portò alle dimissioni di nixon in america ma il partito repubblicano continuò a governare come da mandato elettorale con ford
    quando i repubblicani attaccarono clinton sul pompino della lewinsky sapevano che comunque questo non gli avrebbe portato benefici immediati e che comunque avrebbero dovuto dopo sorbirsi al gore
    non  si prova qualcunque cosa ,come in italia ,pur di tornare alle elezioni


    « Ultima modifica: 10:08:25 am, 28 Ottobre 2009 da SC »
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #1 il: 10:16:59 am, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • infatti, a livello nazionale, non è necessario tornare alle elezioni a patto che il vice (o chi per lui) abbia l'appoggio della maggioranza dell'assemblea.
    Insomma, è un fatto politico. Se la maggioranza riesce ad esprimere un nuovo presidente non è necessario rifare le elezioni.
    Questo perchè il presidente del consiglio non è eletto direttamente (diversamente dagli USA, Francia etc..) ma "espresso dal parlamento"

    Nel caso regionale, invece, la legittimazione diretta che il popolo da al governatore (sistema elettorale regionale simile al presidenziale) implica una riflessione in più.

    Ecco perchè nel caso Marazzo si è parlato di dimissioni o autosospensione...


    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #2 il: 10:29:44 am, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • quel "a patto"  la dice lunga in teoria sarebbe così ma in pratica il parlamento e il governo nel nostro sistema sono legati

    se il ilgoverno cade  entra di fatto in crisi il parlamento se non sa ricomporre la crisi si scioglie

    quindi i parlamentari hanno poco interesse a controllare il governo perchè rischiano lo scioglimento delle camere mentre il governo è costretto a non seguire politiche rigoroso e fare continue eccezioni per soddisfare il clientelismo parlamentare perchè una politica rigida gli costerebbe la fiducia.

    in america il parlamento non può essere sciolto neanche nel caso di maggioranza avversa che si verifica spesso e può quindi efffettuare un controllo

    allo stesso modo un presidente o comunque la linea politica del suo partito non può essere mandato a casa   se non scade il mandato

    questo evita i capricci e le deleggittimazioni del sistema correlate agli uomini
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline Luca

    • Global Moderator
    • Grande Scriba
    • *****
    • Post: 395
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #3 il: 10:58:32 am, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • infatti, a livello nazionale, non è necessario tornare alle elezioni a patto che il vice (o chi per lui) abbia l'appoggio della maggioranza dell'assemblea.

    @spaventa
    io la penso diversamente,almeno in parte.
    Considera che il governo col relativo presidente del consiglio dovrebbe essere rappresentanza del popolo,se in caso di caduta si esprime un nuovo presidenze col solo vincolo della maggioranza dell'assemblea si rischia di andare fuori dal mandato popolare.
    Il vincolo affinchè si abbia un nuovo presidente credo dovrebbe essere quello di coalizione, ovvero: se (almeno) la stessa maggioranza riesce ad esprimere un nuovo presidente non si ricorre alle urne.

    enrico tomasi

    • Visitatore
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #4 il: 11:39:06 am, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • salvo,
    sono d'accordo solo parzialmente con quello che dici.
    consumare droga alimenta la malavita e le mafie...quelle stesse che dovremmo combattere, specie se copriamo  dei ruoli istituzionali.
    ma altro aspetto che non si sta prendendo in considerazione, è quello che fa da vero perno a tutta questa faccenda, e cioè che marazzo è stato coinvolto in un reato, quello del ricatto a sfondo estorsivo, ed ha taciuto alle autorità, alla legge...
    basta e avanza solo questo per dare le dimissioni (in uno stato civile).

    in italia abbiamo 600.000 (SEICENTOMILA)
    auto blu, contro le 20.000 della germania, che ha una popolazione quasi doppia della nostra, altro punto che meriterebbe qualche piccola riflessione di natura politica.
    certo non è (solo) merito di marazzo una tale proliferazione di mezzi di rappresentanza, ci siamo ormai quasi rassegnati agli sprechi "istituzionali", pare che facciano parte addirittura della nostra economia.
    che qualcuno le usi poi come mezzo locomotore per andare a soddisfare dei piccoli vizietti (su cui personalmente non discuto nemmeno), non tollero che siano PRIVATI, assume quasi le sembianze di un affare di stato, forse sta anche qui' il vero difetto (uno dei tanti) di questo nostro sistema tutto italiano.

    in america se un politico sniffa cocaina dopo essersi creato la reputazione di onestà e trasparenza dall'alto del pulpito della tv di stato, predicando morale e legalità, verrebbe preso a sputi dai suoi elettori. se poi avrebbe anche il coraggio di usare le auto dello stato per recarsi a casa di prostitute/i, non so quali considerazioni gli riserverebbe il popolo americano.



    potremmo cambiare anche le leggi in italia, e qui vengo alla tua/vostra riflessione...ma fin quando non cambiamo il nostro modo di fare, cioè, quello di calcolare la politica un mezzo per soddisfare i nostri "vizietti privati", non cambierà proprio nulla nel "bel paese".

    mi pare che si continui a parlare di regole di gioco, avendo la consapevolezza che in ogni caso si andrà a giocare con delle carte truccate, o meglio, drogate.
    « Ultima modifica: 11:59:43 am, 28 Ottobre 2009 da Enrico Tomasi »

    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #5 il: 15:09:04 pm, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish
  • enrico non c'entra nulla il discorso che fai con la tematica che ho posto

    ho posto un problema di sistema istituzionale che garantisca  la continuità politica necessaria affinche il sistema non venga delegittimato,   ho chiaramente detto non mi interessa parlare del caso marazzo in se.

    marazzo è in questo caso la vittima anche agli occhi della legge , e il fine della legge è tutelare la vittima ma in questo caso l'esercizio della tutela legale provoca comunque un danno di immagine quindi la LEGGE stessa ti consente di evitare la denuncia.

    nessuna legge ti può obbligare a autoprovocarti un danno personale.

    il fatto che non denunci può essere comunque soggetto a discussione politica che non comportano automaticamente le dimissioni

    ma il problema che ho posto io è parecchio diverso è una discussione su quali regole siano le + atte a garantire  che i casi personali sia o non sia di rilevanza politica non inficino in maniera grave la politica chiamata dagli elettori a governare.

    in italia questo sistema era garantito nella prima repubblica dai vecchi partiti, il governo cadeva ma alla fine la linea politica non cambiava, un capo del governo non si poteva permettere di dire io non me ne vado altrimenti qui andiamo tutti a casa.

    attualmente non c'è + questa situazione perchè non esistono + i partiti ma uomini-immagine.

    se berlusconi si dimette sappiamo tutti che torniamo ad elezioni, quindi tutto il sistema attorno a berlusconi è quantomeno forzato a fare quadrato su di lui.

    si può dire che ci sono delle eccezioni ,  per esempio marazzo  è stato invitato dai suoi stessi a dimettersi  ma tali casi non sono da tenere in considerazione
    perchè

     1) se il centro sinistra perde le elezioni  avrà comunque perso un occasione per raggiungere gli obbiettivi politici di programma ed essere giudicato su quelli piuttosto che sulle vicende personali di un uomo della coalizione.

    2) le regole sono fatte bene se non tengono in considerazione gli atti eroici, la legge non può e non deve supporre che tutti siano santi o eroi

    trovare regole il + possibile semplici che garantiscano al sistema politico di crearsi AUTONOMAMENTE gli anticorpi contro la propria stessa corruzione è la cosa + importante, e questi problemi non li risolve la magistratura.

    sono d'accordo che ci vuole un processo culturale ma l'evoluzione di un simile processo è indirizzata dalle regole fatta come si deve.

    in america fino a 100 anni fa i sindaci erano i padroni dei bordelli e dei saloon ma i legislatori li avevano stabilito regole che alla fine sono entrate nel dna della gente e che gli consentono un sistema poltico capace di reagire a qualsiasi situazione.
    « Ultima modifica: 15:49:12 pm, 28 Ottobre 2009 da SC »
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    enrico tomasi

    • Visitatore
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #6 il: 18:24:53 pm, 28 Ottobre 2009 »
  • Publish

  • ho posto un problema di sistema istituzionale che garantisca  la continuità politica necessaria affinche il sistema non venga delegittimato,   

    scusa salvo, ma stai parlando dell'italia, o ti riferisci sempre all'america?
    « Ultima modifica: 18:44:36 pm, 28 Ottobre 2009 da Enrico Tomasi »

    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #7 il: 01:00:41 am, 29 Ottobre 2009 »
  • Publish

  • ho posto un problema di sistema istituzionale che garantisca  la continuità politica necessaria affinche il sistema non venga delegittimato,   

    scusa salvo, ma stai parlando dell'italia, o ti riferisci sempre all'america?

    sto parlando di un sistema di regole istituzionali SPECIFICO che manca in italia e che c'è in america ,valutandone la potenziale correlazione con i fatti attuali
    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline a.merenda

    • Global Moderator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 1.988
    • Sesso: Maschio
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #8 il: 11:54:39 am, 03 Novembre 2009 »
  • Publish
  • Ho un pò di confusione leggendo questi post. Provo a rispondere cercando di non andare fuori tema.

    Tornando al buon Marrazzo c'è da dire una cosa: l'italiano medio vuole che il politico sia innanziatutto "uno che non si lascia fregare". E questo, intuitivamente, non è il caso di Marrazzo. Quindi è giusto che si dimetta.

    Detto ciò subentra il discorso etico-morale legato al sesso. Quanto può incidere sulle preferenze elettorali delle forze di destra e/o sinistra?
    Molto in America, date le radici puritane, poco in Italia visto che, sotto la patina filo-religiosa si tollera (se non si ammira) chi è in grado di "procurarsi" molte donne, quindi "favori sessuali". Ciò è direttamente connesso al rapporto sesso-potere-denaro.

    Ma adesso c'è pure una nuova questione: la sessualità intesa come una gamma di modi d'essere: dal maschio alla femmina si passa per varie forme di individualismo sessuale intermedio.

    Sarebbe bene domandarsi, perciò, dove stia il "bene" ed il "male".
    Sappiamo già che si risponderebbe in maniera differente a seconda delle "vesti" che ognuno di noi porta (moralista, libertarito, libertino, comunista, maschilista, femminista, fascista, omosessuale, transgender, religioso, settario, potente, ignorante...e via dicendo).

    Una cosa è innegabile: queste forme di individualismo sessuale si sono affermate nonostante il tentativo da parte di qualcuno di bollarle come malattie.

    E' arrivato il momento di farci i conti. Il momento di ammettere che siamo di fronte esseri umani con relative caratteristiche. Fino ad ora li stiamo trattando (soprattutto in Italia e ancor di più al sud) come fenomeni da baraccone.

    La storia ci giudicherà.

    saluti

    Offline SC

    • Administrator
    • Scrittore del Forum
    • *****
    • Post: 3.061
    • Sesso: Maschio
    • Ci si impegna e poi si vede
      • Google Profile
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #9 il: 14:34:56 pm, 03 Novembre 2009 »
  • Publish
  • si spaventa sei andato fuori tema rispetto quello che mi proponevo con il topic

    io ho preso in considerazione il caso marrazzo per discutere i vantaggi di alcune regole istituzionali americane che permettono di superare scontri istutuzionali tipici della situazione che stiamo vivendo
    la morbosità alla grande fratello per gli appetiti sessuali di qualcuno le ritengo personalmente poco interessanti, anche se ritengo che una società democratica abbia diritto (ma non l'obbligo) a discutere di quello

    mi sembra assurdo che una proposta politica scelta dagli elettori possa essere messa in crisi per problemi personali gravi o meno del leader

    Informa anche tu con Openjournalism
    ----------------------
    Così scrivo secondo le mie idee personali

    Così come Amministratore del Forum
    Regolamento

    Offline Luca

    • Global Moderator
    • Grande Scriba
    • *****
    • Post: 395
    Re:Caso Marazzo e la debolezza di un sistema
    « Risposta #10 il: 12:38:29 pm, 04 Novembre 2009 »
  • Publish
  • ritengo che ciascuno debba poter agire secondo le proprie..."idee" (intese nel senso più largo del termine),sempre che queste non limitino o arrechino danno a terzi.
    Detto questo,non mi sento di inquadrare il fenomeno come voierismo sul personaggio pubblico ma come sconfinamento del pubblico nel privato.
    Ero contrario alla gogna mediatica quando si trattava di Berlusconi,lo sono anche adesso che si tratta di Marrazzo.
    Il politico dovrebbe essere giudicato in sede politica oal più pubblica (inteso come comportamento in pubblico).
    Quello che fa a casa propria sono affari solo suoi.

    -OT-
    immagino che la condizione omosessuale o quella trans (nelle varie declinazioni) generi sofferenza o almeno disagio in chi la vive...ma da qui a considerare queste persone come fenomeni da baraccone ne passa...allo stesso modo però non possiamo considerarli "normali" in senso stretto (il virgolettato è d'obbligo). Per evitare fraintendimenti specifico: non possiamo considerarli come situazione "comune" di genere sessuale,forse sarebbe una forzatura.
    Per il resto,sarei anche a favore di un fondo per il sistema sanitario nazionale per la "riassegnazione sessuale" (totale).
    « Ultima modifica: 12:40:03 pm, 04 Novembre 2009 da luca_ »

     

    Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

    Facebook Comments

    Link Consigliati:
    Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

    Increase your website traffic with Attracta.com
    Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

    WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!