Autore: negi Topic: Il Forum Siciliano per l'Acqua e i Beni Comuni invia una nota a Sindaci e Amm.ri  (Letto 756 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline negi

  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 571
  • Sesso: Maschio
FORUM SICILIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA  E I BENI COMUNI

UN MARE DI DEMOCRAZIA PER DIRE SI’ AL RINNOVAMENTO DELLA SICILIA

Gentili Sindaci ed Amministratori,
come sapete il prossimo 17 aprile si voterà per il referendum sulle trivellazioni. Il referendum, indetto da 10 consigli regionali, è stato  fortemente sostenuto dal Forum Siciliano dei Movimenti per l'Acqua ed i Beni Comuni che insieme ad oltre 200 associazioni, con il Coordinamento Nazionale NO TRIV, ha fatto pressione sui consigli regionali affinché fosse promosso.

L'Assemblea regionale siciliana, da noi sollecitata a deliberare, per appena otto voti contrari non ha raggiunto la maggioranza assoluta necessaria per essere tra le regioni proponenti.

Il governo nazionale ha già assorbito  nella legge di stabilità cinque dei sei quesiti referendari proposti dalle regioni, apparentemente soddisfacendoli, nell'intento smaccato, a nostro parere, di neutralizzare i referendum.

Malgrado ciò la Corte Costituzionale ha ammesso il quesito sul quale siamo chiamati ad esprimerci il prossimo 17 aprile, che chiede di abrogare la norma che consente la prosecuzione di sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi e gas fino all'esaurimento degli stessi, anziché alla scadenza delle concessioni.

Si tratta di un quesito che entra con forza nel dibattito aperto dopo la Conferenza internazionale sul clima di Parigi di dicembre scorso,(COP 21) nella quale anche l'Italia ha preso impegni vincolanti per la riduzione delle emissioni di gas climalteranti, vera causa degli sconvolgimenti climatici e dei fenomeni migratori.

In Sicilia come Forum Acqua e Beni Comuni promuoviamo un modello di sviluppo sostenibile basato sulla conversione ecologica, sull'economia circolare richiamata dalle direttive europee, sulla democratizzazione della gestione delle risorse e dei Beni Comuni, intrecciando il nostro percorso con quello degli Enti Locali, avamposti della democrazia di prossimità.  Insieme abbiamo promosso nel 2010 la prima legge di iniziativa Popolare e Consiliare per l'Acqua pubblica sostenuta dalle firme dei cittadini e dalle deliberazioni di 135 consigli comunali. Insieme abbiamo vinto i referendum popolari del 2011, insieme abbiamo costituito a dicembre scorso il Comitato per la conversione ecologica in Sicilia. Insieme, ancora una volta attraverso l'ANCI Sicilia, che entrata a far parte del Comitato regionale "Vota SI per fermare le trivelle", promuoviamo la vittoria del SI il prossimo 17 aprile.

I Comuni siciliani sono quelli che in maggior numero a livello nazionale hanno aderito al Patto dei Sindaci per le rinnovabili, e la prossima programmazione dei fondi EU ci consentirà di fare un balzo in avanti per orientarci verso il 100% di rinnovabili.

Il referendum del 17 aprile ci consente di dare un impulso significativo verso un futuro sostenibile che salvaguardi la salute dei cittadini, dell'ambiente e che costruisca un modello vocato a creare nuovi posti di lavoro stabili e duraturi nelle energie rinnovabili, nel turismo, nella pesca, nella riqualificazione edilizia, nell'agricoltura, nelle risorse culturali ed umane, vere ricchezze della nostra regione.
 
Crediamo che questa occasione non vada sprecata e che l'esercizio democratico del voto, diritto e dovere di ogni cittadino, debba essere promossa aldilà di sterili polemiche, senza assistere al paradosso di vedere tacitati i Sindaci  per i quali vige il divieto svolgere attività di comunicazione" (l'art. 9, comma l, della legge 22 febbraio 2000, n. 28), mentre un pubblico ufficiale, come una viceministra, e non contravviene a ben due norme in vigore (l’articolo 98 del testo unico delle leggi elettorali per la Camera; l’articolo 51 della legge che disciplina i referendum) che castigano l’astensione organizzata da chiunque sia «investito di un pubblico potere» con pene detentive (da 6 mesi a 3 anni).

 

Vi chiediamo di rinnovare la Sicilia fatta di piccoli borghi, comunità, aree metropolitane,  sostenendo  un  “mare di democrazia” di pace, di civiltà, di accoglienza, e Vi chiediamo una forte mobilitazione per  cambiare energia scegliendo quella pulita, inesauribile, a forte intensità di lavoro, benessere, e con produzione decentrata a beneficio delle comunità.
« Ultima modifica: 19:43:24 pm, 07 Aprile 2016 da negi »

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

Facebook Comments

Link Consigliati:
Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

Increase your website traffic with Attracta.com
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!