Autore: SC Topic: i forestali vogliono denunciare panorama: non è vero che hanno il doppio lavoro  (Letto 20098 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
ho trovato una cosa curiosa, mentre io e spaventa discutevamo di come far funzionare l'ispettorato del lavoro senza alcuna collaborazione dei cittadini qualche forestale protestava contro lo scoop di panorama

http://blog.panorama.it/italia/2009/12/10/quanti-falsi-disoccupati-la-truffa-dei-forestali-con-il-doppio-lavoro/

e addirittura presentano una difesa

tratto da http://www.antincendiosicilia.it/upload/Presunto_scoop_Panorama.pdf

Citazione
Il presunto “scoop” di un giornalista su Panorama
Iniziamo dal titolo: “La truffa dei forestali con il doppio lavoro”.
“…La truffa è un reato previsto dall'art.640 del codice penale ed è un esempio di reato a forma vincolata. È definita come attività ingannatoria capace di indurre la parte offesa in errore attraverso artifici e raggiri per indurla a effettuare atti di disposizione patrimoniale che la danneggiano e favoriscono il truffatore o altri soggetti, procurando per questi ultimi un profitto
corrispondente al danno inferto alla vittima. È un reato a dolo generico e di evento, cioè si consuma nel momento della verificazione dell'evento dannoso per la vittima e proficuo per il reo. È perseguibile a querela di parte a meno che non si verifichi una delle circostanze aggravanti previste dall'art. 61 C.p., nel qual caso è perseguibile d'ufficio. Sono inoltre previste anche due circostanze aggravanti speciali che rendono il reato parimenti procedibile in quest'ultima forma:  se la truffa è a danno dello Stato o di altro ente pubblico  se è commessa facendo nascere nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l'erroneo convincimento di dover eseguire un ordine dell'autorità.
Sono previste inoltre speciali fattispecie di reato autonome, ovvero la truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art.640 bis C.p.) e la frode informatica (art. 640 ter C.p.).”
(Fonte: WIKIPEDIA)

Analizzando queste informazioni non capisco come si configuri questo reato nelle attività lavorative “secondarie” che il giornalista Abbate affibbia alla (…maggior parte dei trenta mila forestali). Lui ne cita solamente una dozzina e certamente, anche se fossero un centinaio in più, non potrebbe avere la certezza matematica che la maggior parte dei forestali abbiano un secondo lavoro “in nero”.

Per avere dati certi, avrebbe dovuto “scovarne” almeno 15.001, visto che sono 30.000. E questo non l’ha fatto. Ma lo ha scritto nel sottotitolo “in grassetto” su Panorama, dando una falsa informazione basata forse su presunti calcoli statistici da lui inventati e a cui, purtroppo, alcuni lettori crederanno.

Per questo, a suo carico, si potrebbe ipotizzare una querela per calunnia o diffamazione, con aggravanti di pena, intanto per la diffusione a mezzo stampa e poi per l’offesa arrecata a dei lavoratori che fanno parte e rappresentano nell’esercizio delle loro funzioni una “Pubblica Amministrazione”, l'Azienda Foreste Demaniali ed il Dipartimento delle Foreste, nella Regione
Siciliana.

Ritorniamo alla “truffa”. Svolgere un secondo lavoro non è una “truffa”. Lavorare “in nero” non è una truffa. Definisco meglio: “… si ritiene che sia definibile come "lavoro nero" la situazione in cui un lavoratore sia sconosciuto alla Pubblica Amministrazione, perché non registrato presso i Centri per l'Impiego, presso gli Istituti previdenziali (INPS, INAIL, ENPALS, ecc.). Non dà luogo, invece a lavoro nero o irregolare il mancato o ritardato pagamento dei contributi previdenziali.”
(Fonte WIKIPEDIA)
Alla constatazione della violazione procedono gli organi preposti ai controlli in materia fiscale, contributiva e del lavoro che applicano sanzioni amministrative (pecuniarie) nella misura di quanto dispone la Legge 28 luglio 2006, n. 248, (il c.d decreto Bersani) con l'art. 36-bis, comma 1.

Fin qui non ravviso alcuna forma di “truffa”, nemmeno sulle modalità con cui i citati operai forestali, svolgano il loro “secondo lavoro”. Il giornalista Abbate scrive di : “…falsi macellai, falsi cartolibrari, falsi commerciali, falsi allevatori…ecc” . Perché falsi? Il macellaio a cui ha chiesto gli involtini, li sapeva fare, il cartolibrario a cui ha chiesto la cancelleria, l’ha servito. È tutta gente che sa fare questo mestiere, dov’è la “truffa”? Che lo facciano “in nero” non è reato ma una VIOLAZIONE ! E siamo tutti d’accordo sul fatto che non si deve fare. Si raffigurano ancheviolazioni alle norme di carattere sanitario, dietro un bancone dove si somministrano alimenti, si deve essere sani. Ma parlare di “truffa” e quindi di reato penale, è secondo me sbagliato.
Ed è ancor più sbagliato e deplorevole il fatto che questo giornalista abbia accusato “la maggior parte” di queste persone, dando un'immagine falsa e distorta agli italiani.

Con questo non giustifico chi, di questi forestali, svolge un secondo lavoro “in nero”. Lo potrebbe svolgere benissimo mettendosi in regola. Le normative vigenti, non vietano agli operai forestali di svolgere un secondo lavoro, a patto che sia subordinato e non di carattere imprenditoriale. Se qualcuno di loro si comporta da imprenditore intestando l'attività alla moglie, non è il giornalista Abbate che lo deve dimostrare attraverso un articolo, ma un tribunale. E se c'è un reato di truffa che questo imprenditore perpetra, lo può solamente definire tale, un tribunale. Che Abbate si vada a studiare il Codice!

Il problema per la categoria di operai “incriminata” è invece quello di non riuscire facilmente a trovare lavoro, in quanto, non è facile trovare aziende o privati a cui poter prestare lavoro a periodi alterni. Mi spiego meglio; un operaio di 151 giornate, in Azienda Foreste, può espletare le 151 giornate durante tutto l'avvicendarsi dei mesi dell'anno. Significa che lavora a periodi alternati di minimo due mesi. Esempio: Gennaio e Febbraio lavora, a Marzo è disoccupato e non sa quando verrà riassunto. Mentre la vita continua e bisogna portare un tozzo di pane a casa, che deve fare? Se a Marzo comincia un rapporto di lavoro presso un privato o un'azienda, gli deve garantire il periodo lavorativo prefissato ma, nello stesso tempo, non sa se ad Aprile verrà riassunto dalla “forestale”. È una brutta situazione certamente, per cui o si “arrabatta”, come dice il giornalista Abbate, o resta disoccupato per poi ricevere l'indennità l'anno seguente verso il mese di Luglio (e non a fine anno come falsamente scritto nello “scoop”). Voglio anche sottolineare che la somma per pagare le disoccupazioni non è di 300 milioni l'anno (altra falsa notizia) ma di 70 milioni l'anno.

Il verbo usato dal giornalista è l'unica nota non stonata nel contesto di questa situazione di precariato in cui versa un operaio forestale stagionale. Arrabattarsi significa sforzarsi per raggiungere uno scopo, a tutti i costi, anche lavorando “in nero”, purtroppo. Lo scopo è quello di mantenere una famiglia. Non voglio dire che si è costretti, ma i presupposti ed i contesti di questo settore di “precariato”, non lo permettono ed il motivo credo che si capisca da ciò che ho esposto sopra. Non capisco poi da quale “manica” gli sia uscita la “fascia delle 180 giornate garantite”, visto che la Legge Regionale N°14 del 2006, ne prevede solamente tre, e cioè 78, 101, 151. (Altra falsa notizia).
È chiaro in ogni caso che anche con 15.000 € l'anno e cioè con la somma percepita da un operaio che espleta 151 giornate annue, il massimo; oggi viene difficile mantenere una famiglia media di tre persone. Tale somma suddivisa in 12 mensilità dà uno stipendio medio di 1.250 € al mese. Se per nutrirsi questa famiglia spende 20 € al giorno (in tre) a fine mese ha speso metà circa dello stipendio. L'altra metà se non ha casa in affitto, la potrà con oculatezza spendere per pagare le tasse e le bollette. In buona sostanza, questa famiglia...fà la fame. Non parliamo poi degli operai che espletano 78 e 101 giornate, rispettivamente 8.300 € e 12.000 €, tutto compreso !
Come devono fare a mantenere famiglia? Non tutti hanno la moglie che lavora e quindi...si arrabattano. È lampante che devono avere un secondo lavoro per non fare la fame, per vivere. I veri truffati sono loro, questi operai. Truffati dai politici che da anni gli promettono stabilizzazione per riceverne voti.
Truffati dai sindacati a cui non conviene questa stabilizzazione, e qui il cronista di Panorama ha ragione.

Il cronista parla poi di statistiche inerenti l'assegnazione pro-capite per Ha di questi operai a copertura del territorio boscato. In Sicilia lui parla di 30.000 forestali. Non è vero. Sono 28.000.
Poco male come errore. Parla di 1 operaio ogni 12 Ha di bosco ed il dato è esatto. Non è esatto invece far credere che in Sicilia dove c'è una superficie boscata pari a 360.000 Ha, la presenza di un operaio ogni 12 Ha sia eccessiva. Questo perchè in Toscana, che ha una superficie boscata di circa un milione di ettari, c'è un operaio ogni 1.400 Ha di bosco. Qui bisogna entrare nel campo delle scienze forestali e per questo basta andarsi a leggere e studiare un po' di materiale messo a
disposizione sia dal Corpo Forestale Statale, sia dal Dipartimento delle Foreste della Regione Siciliana. Parlo dell' “Inventario forestale Nazionale” e del “Piano forestale Regionale”. Questi documenti, circa 150 pagine ciascuno, contengono dati scientifici e statistiche di riferimento che classificano la superficie forestale nazionale e regionale siciliana in relazione a varie discipline che entrano in gioco nella gestione dell'ambiente forestale. Per farla breve scopro, per esempio che per quanto riguarda la Sicilia, si ha una percentuale molto più alta di quella nazionale di zone boscate che rientrano nelle riserve naturali protette, il 10% contro lo 0,8%. Si evince anche una superficie forestale maggiore alla media nazionale di zone boscate con vincoli naturalistici rientranti nella “convenzione di Ramsar” e “Rete Natura 2000”. Tutto questo significa che ogni regione ha dal
punto di vista patrimoniale-ambientale un valore diverso scientificamente comprovato e legalmente tutelato. In Sicilia questo valore è più alto e non c'è da meravigliarsi se la gestione sostenibile comporta una percentuale di operatori forestali più alta. Ma di queste cose il cronista non ne sa nulla. Non tiene conto che laddove c'è un maggiore sfruttamento del bosco per la produzione di legname questa “gestione sostenibile” è diversa da dove, invece, la tutela dell'ambiente naturale è al primo posto. Che si vada ad informare cosa significa, per esempio, effettuare dei lavori di semplice manutenzione in aree naturali protette, o quali tipi di lavorazioni e con quali mezzi si possono fare.

Voglio ricordare un importante lavoro che nel corso del secolo scorso fecero due ricercatrici dell'Università di Firenze, Albina Messeri ed Eleonora Francini, le quali effettuarono una serie di spedizioni esplorative a Marettimo, che portarono , nel 1956, alla pubblicazione di un primo esame della vegetazione insulare. Staccatasi oltre seicentomila anni or sono dalla Sicilia, quest’isola appartenente all'arcipelago delle Egadi è la più lontana dalla costa, e la sua vegetazione è stata più volte definita «uno scrigno botanico». Montuosa, aspra ed impervia, nonché quasi priva di urbanizzazione, Marettimo ha subito un’evoluzione botanica tutta particolare. La sua flora annovera circa seicento tipi di piante, quasi mille ettari di bosco e numerosi endemismi, ossia organismi vegetali che vivono spontaneamente soltanto in un particolare ed unico ambiente. (E. Francini, A. Messeri, “L’isola di Marettimo nell’arcipelago della Egadi e la sua vegetazione”, in «Webbia», vol. 11, pp. 607-846, 1956.

Parliamo adesso di incendi boschivi e delle statistiche personali del giornalista. Secondo i dati pubblicati dal Corpo Forestale dello Stato sul sito internet di riferimento, testualmente si può leggere quanto segue: “... Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2008 c'è stata una diminuzione del 40% del numero degli incendi. Ben il 70% in meno del 2007 di superficie percorsa dal fuoco ...“
(Fonte: www.corpoforestale.it).
Nell'articolo oltre ad esserci cifre inventate, il giornalista vuol farci capire che in quell'anno che lui prende a riferimento, nonostante il controllo capillare, gli incendi sono aumentati. Non è vero! Sono invece diminuiti del 40% rispetto all'anno precedente, il 2007. Se poi vediamo i dati di quest'anno, 2009, nel sito del Corpo Forestale si legge: “...Dal 1 gennaio al 27 settembre 2009 si sono verificati complessivamente 4.472 incendi boschivi che hanno percorso 60.074 ettari di cui 27.026
boscati e 33.048 non boscati. Rispetto allo stesso periodo del 2008, quando i roghi erano stati 6.143, c'è stata una diminuzione del 30 per cento degli incendi boschivi. In lieve calo la superficie totale percorsa dalle fiamme che passa da 65.393 ettari del 2008 agli attuali 60.074 , il 10 per cento in meno. Diminuisce la superficie boscata andata in fumo rispetto a quella rilevata nello stesso periodo del precedente anno (29.720 ettari del 2008 contro i 27.026 del 2009, il 10 per cento in meno) e quella non boscata (35.673 ettari del 2008 contro i 33.048 del 2009, il 10 per cento in meno). (Fonte: www.corpoforestale.it).
A questo punto faccio una precisazione. Tutti dovrebbero sapere che in Sicilia, ci sono solamente 7000 operatori forestali (operai) preposti alla salvaguardia del patrimonio boschivo. Essi costituiscono il “Servizio Antincendi Boschivi”. Ed è errato far intendere che invece sono tutti e 28.000 gli operai forestali che “salvaguardano” i boschi dagli incendi, almeno dal punto di vista “attivo”. Tolti gli operatori dell'antincendio, gli altri 21.000 si occupano della manutenzione, dentro la quale sono previsti anche lavori di “lotta passiva” contro gli incendi; opere di prevenzione quali viali parafuoco, fasce tagliafuoco ecc...Proprio per la particolarità ambientale di cui gode il territorio siciliano, dal punto di vista della tutela del valore ambientale, è ovvio che la maggior parte dei lavori devono essere fatti senza l'ausilio di macchine agricole. Nei boschi siciliani si deve lavorare a forza di braccia e macchine ne entrano poche. Di questi 7000 operatori antincendio circa ¼, 1750 uomini (e donne) coprono un servizio H 24 ogni 8 ore in media su tutto il territorio siciliano. 1750 unità che difendono all'incirca 8.500 Ha di superficie forestale. Significa quasi 5 unità ad ettaro. Queste 5 unità, sono quelle che vedono e sentono il calore delle...fiamme.
 E non sto parlando solamente di superficie d'importanza forestale, perchè loro, intervengono anche su aree private, nei limiti delle loro competenze antincendio. A volte, ma non sempre, sono anche aiutati dal volontariato della Protezione Civile e dai Vigili del Fuoco. Questa è la realtà. Quando poi il giornalista parla di Guardie Forestali, ne denuncia la carenza d'organico, ha ragione.
Posso solamente confermare che il lavoro che essi svolgono in così esiguo numero è veramente massacrante. I loro compiti istituzionali richiederebbe un organico che, almeno in Sicilia, andrebbe quintuplicato. Si deve comunque lodare l'impegno e le capacità con cui, anche in pochi, riescono a svolgere un servizio efficiente.

Chi ha scritto queste righe è uno dei 7000 operai del servizio antincendi boschivi. Mi sono sentito personalmente offeso dall'articolo del cronista di Panorama, non mi sento un “truffatore” come Lui ha voluto far intendere agli Italiani, di questo forse ne risponderà in tribunale perchè ho intenzione di presentare una querela, vedremo. Quello che ho scritto è frutto della mia cultura e della passione che ho per questo lavoro e per la mia terra. Nonché per il rispetto che nutro verso tutti i miei
colleghi che con impegno svolgono un lavoro dignitoso e con la stessa dignità devono esseretrattati.
Salvatore Bagarella


non vorrei aggiungere alcun commento ma il fatto che come al solito i siciliani si sentono insultati se la stampa dice qualcosa e minacciano come al solito la querela mi indispettisce

è divertente la difesa di bagarella sopratutto quando dice che in toscana   c'è 1 forestale ogni 1400  ettari e qui ce n'è 1 ogni 12 solo perchè  ogni regione è diversa e c'è una necessità scientifica e legale
certo 1 rapporto 1 a 100 (approssimato per difetto) è sicuramente dovuto alla differenza fra il legno dei boschi in sicilia e quelli toscani, e la tutela non è dovuta a quei politici che li hanno ingannati creando un lavoro e una differenza di leggi che non doveva esistere no no.

ma se usassimo il rapporto della toscani quanti forestali dovremmo avere? dividiamo il numero "esatto" dei forestali 28000 per 100 fa 280

ora voglio dire 280 contro 28000 , spaventa tu che dici?

nella discussione con spaventa avevo ipotizzato 6000  forestali necessari  rispetto a 280 c'è una certa differenza no?

poi una ltra cosa della difesa dichiara guadagna 15000 euro 151 giorni quindi se fossero 3000 i giorni dovremmo  avere 30 mila euro  cioè 60 milioni delle vecchie lire

spero che ci sia un errore  in queste cifre perchè voglio essere onesto a me sembra un reddito medio-alto, in particolare per una bassa qualifica

c'è gente con laurea  che queste cifre non le raggiunge.


P.S. le truffe prima di essere un reato sono "bugie" e per quelle non è previsto il tribunale per la maggioranza dei casi
« Ultima modifica: 14:59:23 pm, 19 Gennaio 2010 da SC »
Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
So che è  molto difficile ma l'unica via è quella della presa di coscienza (anche degli stessi forestali).

Ho avuto modo di affrontare la discussione con uno di loro e chiaramente ha avuto lo stesso approccio del Bagarella..una difesa d'ufficio.
Mi rendo conto del dramma che consiste nel ricatto del politico o del sindacalista di turno e della "sottomissione imposta e forzata" a cui spesso devono sottostare gli operai..
So per certo, tuttavia, che ci sono anche persone disoneste che si cullano di talune "conoscenze" facendosi beffa del resto della società.

Esiste solo un modo per cambiare le cose: la sanzione sociale, la trasformazione delle consuetudini. E questo passa attraverso indignazione, denuncia e critica.

La gente deve smetterla di essere felice se il figlio, costretto ad emigrare, trova lavoro all'estero e fuori dalla Sicilia. Dobbiamo metterci in testa che possiamo costruire il nostro futuro nella nostra terra. Basta solo volerlo e aprire gli occhi.

La questione rimarrà però irrisolta se non viene trattata anche sul piano istituzionale. Ecco che un'eventuale esigenza regionale orientata al "reperimento delle tasse sul lavoro" imposta, in qualche maniera, dalla maggiore autonomia fiscale (e responsabilizzazione) potrebbe chiudere in una morsa questa distorsione.

Potrebbe spezzare una catena clientelare inpressionante. Di certo, per far questo, bisogna prevedere una "exit strategy"...un bacino occupazionale alternativo per queste persone.
La via migliore, anche se non indolore, mi pare solamente una: promuovere il merito, moltiplicare i bandi pubblici dotati di criteri ed indicatori che sappiano valutare l'impegno, il profilo di un eventuale canditado. Una valutazione che riguarderebbe anche pregressi tentativi di "bugia" e/o "truffa".

Un meccanismo che induca a pensare che:"se mio figlio può concorrere alla pari di tutti gli altri ed io posso aiutarlo impedendo delle truffe ai danni dell'intera comunità siciliana allora prenderò il coraggio a due mani e lo farò. Non temerò nient'altro poichè non c'è cosa peggiore che vivere senza dignità"

Eh si cari conterranei. Il nostro problema è ancora questo: liberarci dalla schiavitù, qualsiasi forma essa assuma

saluti

Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
So che è  molto difficile ma l'unica via è quella della presa di coscienza (anche degli stessi forestali).


Ho avuto modo di affrontare la discussione con uno di loro e chiaramente ha avuto lo stesso approccio del Bagarella..una difesa d'ufficio.

e TU a questa difesa d'ufficio  che hai risposto? hai detto che  vuoi il licenziamento immediato per coloro che fanno il doppio lavoro come avevi SCRITTO in questo forum nell'altro topic?

Mi rendo conto del dramma che consiste nel ricatto del politico o del sindacalista di turno e della "sottomissione imposta e forzata" a cui spesso devono sottostare gli operai..

qua mi sembra che il ricatto siano i forestali a farlo, vogliono addirttura far ritrattare un articolo di stampa

mi spiace dirlo ma non c'è alcun ricatto,  c'è uno scambio, 15000 euro per 151 giornate di lavoro significa 100 euro al giorno
e non mi sembrano affatto pochi e poi ci sono gli ammortizzatori sociali o meglio detto vanno a prendere "la disoccupazione" e sono altri i soldi, in pratica secondo quello che sto bagarella ha raccontato  guadagnano + di un ingegnere neolaureato
ma sono certo che tu ti sei fatto questi conti e l'hai fatto presente al forestale con cui hai parlato.


So per certo, tuttavia, che ci sono anche persone disoneste che si cullano di talune "conoscenze" facendosi beffa del resto della società.

parla chiaramente a chi ti riferisci?

Esiste solo un modo per cambiare le cose: la sanzione sociale, la trasformazione delle consuetudini. E questo passa attraverso indignazione, denuncia e critica.

ma se il primo sei tu a fare il vago e lo scarica barile quando si tratta di denuncia.

per esempio in questo caso c'è panorame e i forestali tu da che parte stai?
hai l'opportunità di fare un critica ad una "difesa d'ufficio dei forestali" , io come vedi la sto facendo

La gente deve smetterla di essere felice se il figlio, costretto ad emigrare, trova lavoro all'estero e fuori dalla Sicilia. Dobbiamo metterci in testa che possiamo costruire il nostro futuro nella nostra terra. Basta solo volerlo e aprire gli occhi.

certo basta dare il lavoro a spaventa e risolviamo il problema.

La questione rimarrà però irrisolta se non viene trattata anche sul piano istituzionale. Ecco che un'eventuale esigenza regionale orientata al "reperimento delle tasse sul lavoro" imposta, in qualche maniera, dalla maggiore autonomia fiscale (e responsabilizzazione) potrebbe chiudere in una morsa questa distorsione.
insomma stai dicendo che se mettiamo nuove tasse risolviamo il problema non eri quello che le voleva portare al 33% ?

Potrebbe spezzare una catena clientelare inpressionante. Di certo, per far questo, bisogna prevedere una "exit strategy"...un bacino occupazionale alternativo per queste persone.
La via migliore, anche se non indolore, mi pare solamente una: promuovere il merito, moltiplicare i bandi pubblici dotati di criteri ed indicatori che sappiano valutare l'impegno, il profilo di un eventuale canditado.

concorsi seri e ciechi (senza alcun riferimento al canditato) in cui valutare solo le conoscenze no?
(beh certo altrimenti salterebbe la segnalazione come l'hai chiamato l'altra volta "all'americana")

Eh si cari conterranei. Il nostro problema è ancora questo: liberarci dalla schiavitù, qualsiasi forma essa assuma

anche liberarci dai venditori di fumo sarebbe abbastanza utile
« Ultima modifica: 02:13:22 am, 05 Gennaio 2010 da SC »
Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

enrico tomasi

  • Visitatore
La gente deve smetterla di essere felice se il figlio, costretto ad emigrare, trova lavoro all'estero e fuori dalla Sicilia. Dobbiamo metterci in testa che possiamo costruire il nostro futuro nella nostra terra. Basta solo volerlo e aprire gli occhi.
Eh si cari conterranei. Il nostro problema è ancora questo: liberarci dalla schiavitù, qualsiasi forma essa assuma

non vorrei essere troppo indiscreto spaventa, ma in attesa della "segnalazione all'americana", che chiaramente ti renderebbe immune da qualsiasi forma di schiavitù, e che dovrebbe (poi) permetterti la costruzione di un futuro nella nostra terra, tu, di concreto, cosa fai per mantenerti?

« Ultima modifica: 02:10:22 am, 05 Gennaio 2010 da Enrico Tomasi »

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
All'operaio forestale ho risposto che questa situazione è ingiusta nei confronti degli altri lavoratori e che è basata su una logica clientelare.
Al sindacalista ho risposto che coprono questo sistema ANCHE  per un loro tornaconto, quindi sbagliano.
A voi dico che se non si moltiplicano le opportunità lavorative non si va da nessuna parte. E' giusto parlare del caso forestali basta che teniamo conto dell'intero sistema che sta alla base, ovvero: perchè nel settore agricolo ci sono tutti questi soldi? Perchè la nostra Regione tratta questo assessorato come un organismo quasi plenipotenziario? Centra qualcosa la nostra carenza di cultura tecnologica? Può cambiare?


Sulle tasse: caro SC ti prego di leggere prima di commentare. Ho detto che sarebbe interessante vedere come reagisce il mercato del lavoro in Sicilia se le tasse sullo stesso vadano direttamente a Palermo (e parzialmente ai comuni). Intendevo dire che questi soldi non devono perdersi tra le maglie della burocrazia. Se la regione deve "cercare" queste tasse mi pare un buon viatico per l'emersione del nero (http://www.iblon.it/societa-autodeterminazione-e-responsabilita.html)

Il 33% resta.

Sulla mia opinione riguardo la segnalazione/cooptazione/altro dico che la giustifico solo nel momento in cui è sorretta dal merito e non da eventuali diritti di sangue (sebbene esistano i casi di "figli di.." preparati e competenti)

Detto questo prediligo la moltiplicazione del bando pubblico per garantire la meritocrazia anche se riconosco che, seguendo la logica dello spoil system americano, talvolta la cooptazione si basa anche su criteri di fiducia reciproca oltre che merito strictu sensu. Trattasi di "capitale sociale"...
Non atteggiamoci ad alieni per favore. Siamo più simili al resto del mondo di quanto crediate..diciamo uguali va.

Sul mio conto: ho fatto diversi colloqui nella zona di Catania e sono orientato al mondo del credito/assicurativo etc. (a breve dovrei iniziare). In più collaboro con l'Università di Catania in un centro di ricerca - CEDOC (a gratis per il momento).
Per il resto cerco di dare il mio contributo nell'ambito dello sviluppo locale attraverso tutti gli organismi che mi diano questa opportunità (ho collaborato con una s.r.l. di Trapani all'APQ giovani ma sono stato scaricato perchè loro non riuscivano a "tirarci fuori neanche un soldo!"..)
Ho in mente di collaborare con altre persone per costituire un'impresa sociale e sto alla finestra aspettando bandi pubblici vari ed eventuali nel settore dei fondi strutturali europei.

Dopo la laurea ho vissuto con quel che mi restava di una borsa di studio vinta l'anno scorso e grazie al fondamentale sostegno della mia famiglia.

Se sei interessato al mio c.v. basta che mi invii la tua mail così lo puoi leggere con calma.

PS: Tutto ciò mi avrebbe "fruttato" un pò di soldini a Roma/Firenze/Milano ma quì,in poche parole sono un INOCCUPATO.
Dare il lavoro a spaventa...bene SC. Quì si che ci troviamo d'accordo.

E voi cosa fate per mantenervi?


Sul venditore di fumo.
Se ti riferisci a me ti rispondo "non ancora" anche se data la situazione non mi sento di escluderlo del tutto.


Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
All'operaio forestale ho risposto che questa situazione è ingiusta nei confronti degli altri lavoratori e che è basata su una logica clientelare.
Al sindacalista ho risposto che coprono questo sistema ANCHE  per un loro tornaconto, quindi sbagliano.


ergo hai detto chè ingiusta ... NON CHE VOLESSI IL LICENZIAMENTO TOTALE DI QUELLI CON IL DOPPIO LAVORO?
ti rammento che in quel topic sei stato molto categorico in proposito, lo sei stato altrettanto con il forestale davanti?

A voi dico che se non si moltiplicano le opportunità lavorative non si va da nessuna parte.


quindi ci stai rivelando che se c'è + lavoro è meglio, chi lo avrebbe potuto immaginare...

E' giusto parlare del caso forestali basta che teniamo conto dell'intero sistema che sta alla base, ovvero: perchè nel settore agricolo ci sono tutti questi soldi?


questi soldi? solo nel settore agricolo? ma scusa gli impiegati comunali , provinciali, regionali ti sembrano pochi?
guarda che non ci sono soldi in + ci sono solo soldi in MENO
alla regione giocano ai tappabuchi,  ci sono i forestali che minacciano di mettere a ferro e fuoco palermo allora pagano loro togliendo i soldi alla formazione appena quelli della formazione cominciano a non poterne + di aspettare pagano loro con i soldi di quelli che lavorano nei comuni e così via.
non ci sono soldi ma un serie di buchi e un tappo che gira

non ti risulta spaventa? non l'hai studiato nei libri?

Perchè la nostra Regione tratta questo assessorato come un organismo quasi plenipotenziario? Centra qualcosa la nostra carenza di cultura tecnologica? Può cambiare?


beh  a sto punto non mi sembra solo carenza di cultura tecnologica

Sulle tasse: caro SC ti prego di leggere prima di commentare.


caro spaventa io leggo e anche bene e per giunta come hai potuto notare metto le frasi dell'intelocutore in rilievo, e commento lo stesso mi spiace.

Ho detto che sarebbe interessante vedere come reagisce il mercato del lavoro in Sicilia se le tasse sullo stesso vadano direttamente a Palermo (e parzialmente ai comuni). Intendevo dire che questi soldi non devono perdersi tra le maglie della burocrazia.


ah secondo te tutto il problema dell'autonomia è che i due pani e due pesci vanno a roma e tornano, invece  se restassero  a palermo miracolosamente si moltiplicherebbero.


Se la regione deve "cercare" queste tasse mi pare un buon viatico per l'emersione del nero (http://www.iblon.it/societa-autodeterminazione-e-responsabilita.html)


il fatto che quelli di quella testata abbiano messo il tuo articolo nella categoria  Life and Style  Food & Drink la dice lunga su quello che loro stesso pensano della cosa.
e comunque con il tuo autorefenzialismo non è che rendi le tue teorie + plausibili,  sono plausibili solo se trovi riscontro con la realtà che fin'ora stai purtroppo dimostrando di sconoscere.

Sulla mia opinione riguardo la segnalazione/cooptazione/altro dico che la giustifico solo nel momento in cui è sorretta dal merito e non da eventuali diritti di sangue (sebbene esistano i casi di "figli di.." preparati e competenti)


scommetto che ti autogiudicheresti meritevole di tale cooptazione.

Detto questo prediligo la moltiplicazione del bando pubblico per garantire la meritocrazia anche se riconosco che, seguendo la logica dello spoil system americano, talvolta la cooptazione si basa anche su criteri di fiducia reciproca oltre che merito strictu sensu. Trattasi di "capitale sociale"...
Non atteggiamoci ad alieni per favore. Siamo più simili al resto del mondo di quanto crediate..diciamo uguali va.


ma si siamo uguali solo che nel resto del mondo funzionano e qui no



E voi cosa fate per mantenervi?


sai quell'aggeggio che usi per scrivere su questo forum e su altri siti, che serve anche a crearlo, che serve anche a tante altre cose?
ecco io parlo di quelle cose e c'è chi paga perchè ne parli  perchè dicono serva a usar meglio l'aggeggio poi ogni tanto qualcuno ha  qualche problema e chiede a me di di risolverlo e mi pagano anche per quello, il che implica che sappia individuare il problema e sappia risolverlo

vuoi un lavoro ? invece di stare appresso ad astruse teorie che tu stesso dimostri di non aver capito, cerca di capire i problemi che ti stanno attorno e impara a dargli soluzione se impari a farlo qualcuno ti pagherà alla fine

Sul venditore di fumo.
Se ti riferisci a me ti rispondo "non ancora" anche se data la situazione non mi sento di escluderlo del tutto.

grande aspirazione

P.S. in questo forum nella board delle notizie qualche mese fa, prima della scadenza ho pubblicato il bando del concorso per diventare segretari comunali riservato a legge, economia e scienze politiche, ne eri a conoscenza?
« Ultima modifica: 03:24:42 am, 07 Gennaio 2010 da SC »
Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

Offline ilclan

  • Agli Inizi
  • *
  • Post: 18
  • Sesso: Maschio
io spero che lo faccino così si scoprono gli altarini.....anzi gli altaroni...
voi denunziate....inchiesta.......e poi..........
nella società dell'avere io voglio essere

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
Manderei a casa quelli che hanno il doppio lavoro IN NERO. E questo perchè ritengo che un simile atteggiamento lede l'intera comunità (ancora non sono stato contattato per fare l'ispettore al lavoro)

Per quanto riguarda, invece, quelle persone che se non lavorano IN NERO non riescono a campare ribadisco: se il mercato del lavoro, con relativa tassazione, fosse gestito a livello regionale i lavoratori acquisirebbero maggiori opportunità per far valere i propri diritti proporzonalmente all'accresciuta capacità di esezione dell'istituzione regionale.
La vicinanza dei centri di potere/decisionali accresce il grado di democraticità "autentica". Il potere del popolo espresso attraverso l'azione collettiva organizzata, convenzionale e non. La consapevolezza che attraverso la lotta si può determinare l'azione di governo (tendere verso il governo da parte della cittadinanza autorganizzatasi --> dem-archia)
Utopia? Forse.


Sulla storia del tappabuchi.
Si spiega attraverso la carenza di autonomia. Se io, soggetto giuridico regionale, devo stare a guardare sempre Roma e/o Bruxelles per sbloccare determinati fondi sarò sempre sotto ricatto. Per mantenere il consenso, allora, adotterò la medesima strategia nei confronti dei cittadini (il datatissimo clientelismo appunto).

Altra storia è la segnalazione/cooptazione etc. Ripeto:
Se io conosco un cretino figlio di un mio amico e lo "faccio entrare" presso un ente dove è necessario avere delle competenze specifiche vuol dire che sto facendo un danno alla società e quindi sono uno che utilizza risorse per finalità clientelari oltre ad essere una persona estremamente ignorante.
Se invece SC mi dice che suo cugino è un fisico in gamba ed io, nella mia azienda (anche privata) ho la necessità di introdurre un bravo fisico  e se, ancora, mi fido particolarmente di SC, farò in modo, secondo legge, che diventi un mio collaboratore.

Basta con questo microcip che abbiamo impiantato nel cervello noi siciliani che ci fa gridare, allorchè non comprendiamo come vanno le cose: MAFIA MAFIA, AIUTO, SIAMO DELLE VITTIME.
In parte è vero, talvolta siamo stati anche vittime. Adesso però dobbiamo imparare a riconoscere i nostri carnefici che incidentalmente non possono essere solo quelli che fanno il mestire del politico (anche se sono quelli che hanno le responsabilità maggiori, secondo me). Talvolta i carnefici siamo noi stessi quando decidiamo di delegare ad altri ciò che compete tutti (es: la buca per strada e la "pretresa" che venga aggiustata quanto prima, entro termini certi e con relativa trasparenza). E' faticoso ma è l'unica via percorribile.


Sulle capacità di SC.
Bravo, anche se sono certo che anche tu disponi di un buon capitale sociale (che non necessita di giustificazione peraltro). Esso, come spero sappiate, si distingue in virtuoso o vizioso. Un insieme di relazioni tra persone fisiche e/o organizzazioni che, se basate sulla fiducia reciproca, possono attenuare asimmetrie informative ed incertezze tipiche del mercato.
Simili relazioni possono avere facili derive a carattere collusivo. Questa probabilità è proporzionale ad una sedimentata cultura della legalità unità al grado di legittimazione che il cittadino ha nei confronti delle istituzioni siano esse intese in senso materiale che meramente valoriale.

Sull'articolo di Iblon.it
A me va bene che un simile commento sia inserito nella categoria "Life & Style". Poi se questa è accorpata nella sezione "Food & Drink" poco male: vorrà dire che al più presto mi esprimerò sulle proprietà benefiche "do Spiritu de Fascitrari" sortinese intercalandolo con suggerimenti circa la trasformazione imprenditoriale di questo "saper fare" figlio della tradizione locale.

Infine.
Se le mie considerazioni (che non mi permetterei di definire "teoria") ti appaiono astruse mi dispiace. Evidentemente ho ancora da imparare per ciò che riguarda l'aspetto comunicativo, oltre che sul piano didattico-scientifico.
Tuttavia credo che esistano persone più accreditate per esprimere un simile giudizio. Per adesso mi accontento di valutazioni "universitarie". Quando avrò bisogno della tua insindacabile opinione sul grado di astrusità del mio incessante ragionare/farneticare, te lo farò sapere.


Sul venditore di fumo.
Ti consiglio caldamente di non perdere mai il senso dell'ironia...se ne possiedi uno.


enrico tomasi

  • Visitatore
Caro spaventa, e tu ci vorresti parlare di meritocrazia?
se il parente di sc fosse un fisico con gli "attributi", come li chiama qualcuno, secondo te avrebbe bisogno della segnalazione di sc?

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
SEGNALAZIONE/PRESENTAZIONE/COOPTAZIONE = RIDUZIONE ASIMMETRIA INFORMATIVA PER MEZZO DI FIDUCIA INTERPERSONALE TRA PERSONE (FISICHE E/O GIURIDICHE)

RACCOMANDAZIONE = ATTO DI POTERE GOVERNATO DALLA LOGICA DEL DO UT DES

Che fatica...

Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
spaventa i tuoi post sono la + gattopardesca e vergognosa difesa dell'esistente che abbia mai letto, tutto all'insegna della logica "bisogna che tutto cambi affinchè tutto rimanga com'è"
attacchi il sistema clientelare a parole  per difenderlo nella sostanza, ti preme solo riuscire a infilarti in questo sistema
ma credi davvero che siamo tutti cretini?


Manderei a casa quelli che hanno il doppio lavoro IN NERO. E questo perchè ritengo che un simile atteggiamento lede l'intera comunità (ancora non sono stato contattato per fare l'ispettore al lavoro)

e come al solito eviti di rispondere alla mia domanda diretta io ti ho chiesto se hai detto al forestale che tu voresti licenziare la gente con il doppio lavoro.
perchè dovresti sapere che il doppio lavoro è sempre in nero nel caso dei forestali, e infatti nella "difesa d'ufficio" dicono che è una violazione non un reato

e per informazione all'ispettorato del lavoro si entra per concorso non si viene contattati(quindi niente segnalazione all'americana)
e nessun organo di controllo può funzionare se non c'è la collaborazione dei cittadini, invece tu stai in pratica giustificando l'omertà

Per quanto riguarda, invece, quelle persone che se non lavorano IN NERO non riescono a campare ribadisco: se il mercato del lavoro, con relativa tassazione, fosse gestito a livello regionale i lavoratori acquisirebbero maggiori opportunità per far valere i propri diritti proporzonalmente all'accresciuta capacità di esezione dell'istituzione regionale.
certo se uno rischia di morire di fame il problema è se la regione o lo stato centrale a tassare...

La vicinanza dei centri di potere/decisionali accresce il grado di democraticità "autentica". Il potere del popolo espresso attraverso l'azione collettiva organizzata, convenzionale e non. La consapevolezza che attraverso la lotta si può determinare l'azione di governo (tendere verso il governo da parte della cittadinanza autorganizzatasi --> dem-archia)
Utopia? Forse.

4  righe per dire assolutamente nulla
quando la regione sicilia ha deciso di riorganizzare il mercato del lavoro e gli uffici di collocamento ha abolito il libretto di lavoro mezzo semplice ma efficace per capire se uno era disoccupato
poi ha creato tante agenzie del lavoro con portali internet allo scopo di risolvere i problemi del lavoro in cui sistemare un po di giovani neolaureati, hanno prodotto montagne di carte e manco un posto di lavoro reale nel territorio eccetto i loro.
ignoranza? sicuro


Sulla storia del tappabuchi.
Si spiega attraverso la carenza di autonomia. Se io, soggetto giuridico regionale, devo stare a guardare sempre Roma e/o Bruxelles per sbloccare determinati fondi sarò sempre sotto ricatto. Per mantenere il consenso, allora, adotterò la medesima strategia nei confronti dei cittadini (il datatissimo clientelismo appunto).
quei fondi di cui parli sono fondi formati con soldi di tasse provenienti da ALTRI LUOGHI non dalla sicilia, sono regali alla sicilia ma non sono della sicilia in origine

l'autonomia di cui parli che guarda caso in sicilia è stata inventata e teorizzata dal notissimo Elio Rossitto ,contributore nella sua veste di consulente tecnico allo sfacelo pubblico a cui siamo arrivati, non crea fondi, perchè la sicilia si basa tutta su una economia assistenziale, se tassi soldi che già in partenza sono pubblici non ottieni  un cazzo.


Altra storia è la segnalazione/cooptazione etc. Ripeto:
Se io conosco un cretino figlio di un mio amico e lo "faccio entrare" presso un ente dove è necessario avere delle competenze specifiche vuol dire che sto facendo un danno alla società e quindi sono uno che utilizza risorse per finalità clientelari oltre ad essere una persona estremamente ignorante.


Se invece SC mi dice che suo cugino è un fisico in gamba ed io, nella mia azienda (anche privata) ho la necessità di introdurre un bravo fisico  e se, ancora, mi fido particolarmente di SC, farò in modo, secondo legge, che diventi un mio collaboratore.

questa non è un segnalazione all'americana questa è una PORCATA alla siciliana, all'americana tu assumi la persona di cui hai PERSONALMENTE fiducia.
altrimenti per forza di cosa l'intermediario diventa un patrono.

ma tu che pensi che i politici attuali mettono le persone dicendo che sono mentecatti? dicono sempre che presentano i migliori, certe volte è vero molto spesso no.

e non mischiare il pubblico e il privato, in un azienda privata  un datore di lavoro si può permettere di assumere una segretaria perchè fa dei buoni pompini sono soldi suoi.


Basta con questo microcip che abbiamo impiantato nel cervello noi siciliani che ci fa gridare, allorchè non comprendiamo come vanno le cose: MAFIA MAFIA, AIUTO, SIAMO DELLE VITTIME.
mai fatto  questo lo fai tu.

In parte è vero, talvolta siamo stati anche vittime.
CVD


Sulle capacità di SC.
Bravo, anche se sono certo che anche tu disponi di un buon capitale sociale (che non necessita di giustificazione peraltro).
ho il dubbio che tu non abbia manco capito di cosa mi occupo, comunque a stento di equivoci, ciò che possiedo sono solo i soldi che ho risparmiato con il mio lavoro e la mia macchina (anch'essa acquistata con il mio lavoro), se parli di conoscenze sono figlio di contadini e  ti assicuro che dato il mio carattere piuttosto schietto e misantropo ho pochi amici anche se fidati e preferisco così, e nessuno mi sopporterebbe se non avessi un certa capacità a capire e risolvere determinati problemi.


per il resto che dirti contento tu  contenti tutti, preferisco non avere senso dell'umor se questo deve servire ad ottenere dei guadagni immeritati.
« Ultima modifica: 13:44:38 pm, 08 Gennaio 2010 da SC »
Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

Offline a.merenda

  • Global Moderator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 1.988
  • Sesso: Maschio
Pessimo ruolo da moderatore caro SC. A me sembri più un aspirante "censore di idee altrui".
Ma non ti rendi conto che continui ad offendermi, scaldandoti e adducendo motivazioni scontate e demodè (per usare un eufemismo).

Ma smettila di citare il buon vecchio Lampedusa...Mi deludi. Peromeno cita qualche studioso che commenta la Sicilia d'oggi: quella di facebook, del Firriato, dell'Etna Valley unitamente, s'intende, a quella dell'omertà, della sfiducia interpersonale, del lavoro sommerso etc. Quella della società/comunità siciliana onesta che cerca disperatamente di far emergere la nostra compenente "normale" ,per troppo tempo occultata.

Tu dici che le frasi non hanno senso e mi dai del mafioso colluso col sistema.
Ti svelo un segreto: anche tu fai parte del sistema, volente o nolente, e per cambiarlo non basta sbraitare contro chi la pensa diversamente da te.
Inoltre, per mezzo della tua aggressività e frustrazione allontani i "commentatori pacifici". Quelli che non amano reiterare dialoghi sterili. Cerca di curare più la tua creatura.

Continui a dire che non rispondo ai tuoi quesiti: leggi e rileggi, forse aiuterà. Sui forestali penso di essere stato chiaro, sulla cooptazione/segnalazione pure. Se non ti vanno bene le mie considerazioni lo rispetto. Se invece vuoi che spieghi aspetti che ti sono poco chiari domanda pure...

Mi dici che sono un difensore dell'esistente? In un certo senso si anche se non si tratta di quell'esistente marcio a cui ti riferisci tu. Mi preme sottolineare il fatto che quando ci si riferisce alla società siciliana bisogna tenere a mente ciò che di buono proviene dalla nostra cultura. Solo così possiamo esprimere una critica oggettiva e risolvere i  problemi facendo leva sui nostri punti di forza.

Non abbiamo bisogno di eroi. O di super sapienti. Quel che importa è ritrovare il senso di attaccamento a questa terra. Ricordare che da piccoli nessuno ci ha mai insegnato ad essere mafiosi. Ricordare che è meglio parlare di criminali e gente perbene che lavora onestamente anzichè mischiare tutto in un'improbabile categoria culturale che i più definiscono O' sistema (Napoli), mafia (Sicilia), governo centralizzato (anarchici).

Qua si tratta di definire CIO' CHE è UN ATTEGGIAMENTO CRIMINALE E CIò CHE NON LO E'. Si tratta di usare delle leggi che l'intera comunità siciliana riconosca come valide e quindi sia portata a rispettare: autodeterminazione.

Per concludere:
E' chiaro che laddove sono previsti dei concorsi per accedere l'esempio del post precedente non vale (quando si tratta di legge...).
Mi riferivo a quella miriade si posti di lavoro a cui si accede perchè "qualcuno si fida delle tue capacità" (anche attraverso la sponsorizzazione di qualcun altro). Hai mai sentito parlare di assunzioni per titoli e colloquio? Sono certo di si.
Lo ritieni un metodo sbagliato? SE si basta affermarlo senza pretendere di aver ragione.

Ribadisco invece la condanna del posto di lavoro in cambio di qualcosa (il voto soprattutto) dato all'individuo che non lo merita. La mafia è quando avendo la possibilità di scegliere tra l'intelligente, il capace e lo stupido si sceglie quest'ultimo (pensiero espresso da P.Borsellino) appositamente perchè NON DEVE PENSARE.

E' questo che dobbiamo combattere anzichè gridare allo scandalo per qualsiasi cosa. Così si finisce sempre allo stesso modo: al bar a dire "su tutt'e stissi"!


Se poi intendi darmi dello stupido ti prego di accomodarti ed uscire allo scoperto. Io incasserò e continuerò la mia vita sforzandomi di imparare ogni giorno qualcosa in più (cominciando dall'interrompere il dialogo con chi inveisce anzichè argomentare).

Rispettare l'altro (pur esprimendo il dissenso), anche se di fronte hai il più spietato dei serial killer.Questo è quello che mi è stato insegnato e che ho appreso dalla vita.. anche se non sono certo che tu riesca a condividere una simile posizione.






Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
Spaventa non puoi dirmi di fare meglio qualcosa di cui ho stabilito io i criteri. Non ho alcun interesse ad attirare commentatori pacifici nelle mie discussioni ho dato spazio per chiunque se vogliono scrivere lo facciano , io voglio gente che sia seria che creda in quello che dica ma che sia disposta a verificarlo nel confronto con gente sconosciuta esattamente come faccio io.

dici che propongo dialoghi sterili vecchia accusa anche di altri eppure chissà perchè ogni volta i dialoghi sterili che faccio vanno a finire nei consigli comunali, chissà perchè succedono cose in paese dopo le discussioni nel forum, e ogni tanto le mie argomentazioni anticipano dibattiti anche nazionali di qualche mese.
non sono un mago sono solo uno che sta con gli occhi sulla realtà e si documenta.

se fossi così sterile in quello che dico nessuno mi pagherebbe per risolvere i problemi di nessun tipo.
e nessuno cercherebbe la mia collaborazione per varie iniziative che abbiamo promosso (ogni tanto guarda anche la board di palazzolo)

non ti ho dato del mafioso, non lo farei mai perchè non uso le parole a caso

ma laddove io preferisco un analisi schietta e reale di problemi senza raccontarci frottole tu scegli di difendere l'esistente e dimostri anche mancanza di coraggio a parlare chiaro

mi accusi di usare frasi demodè ma io uso solo concetti riscontrabili e verificabili e sopratutto non autoreferenziali.

e li metto nero su bianco dopo la citazione dei tuoi concetti.

io so benissimo di fare parte del sistema non cerco di escludermi , quando hai 28 mila forestali , 100 mila impiegati, 30 mila operatori della formazione 600 dirigenti della regione + altri e altri ancora sarei sciocco a dire che non faccio parte del sistema.
ma non difendo questo sistema non chiedo ad altri di segnalarmi

mi segnalo da solo. usando il mio curriculum ma poichè qua in qualsiasi ente ,dappertutto, trovi politici niente toglierà il sapore clientelare a queste scelte.

potrei pertanto dire di essere un esempio dei tuoi segnalati all'americana, perchè lavorando anche per i privati nello stesso settore ho dimostrato di essere bravo e nello stesso tempo c'è chi ha "fiducia" in me.

ma io non dico che mi piace e che lo vorrei così perchè assumano me o continuino ad assumermi.

ti puoi sentire offeso quanto vuoi dal sottoscritto, ma io non cerco voti , tu cerchi forse qualcuno che ti accarezzi  e ti commiseri e ti dia forse qualche dritta nascosta e a cui vuoi non vuoi dovrai poi essere grato, io preferisco mettere un bando di concorso  per quelli come te con il titolo di studio e che facciano loro quello di cui sono capaci.

non lo apprezzi? non voglio essere ne tuo patrono ne tuo cliente
vuoi rompere il clientelismo comincia a fare come me informati e condividi l'informazione con gli altri e rischia la critica non "accademica" , rischia di scoprire i tuoi errori e cominciare ad ammetterli e studiare.

P.S. l'unica censura esistente è quella di coloro che scelgono di non parlare
« Ultima modifica: 19:12:17 pm, 08 Gennaio 2010 da SC »
Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

Offline ilclan

  • Agli Inizi
  • *
  • Post: 18
  • Sesso: Maschio
il problema è solo uno parlate parlate parlate...ma di cosa invece di attacarvi fra di voi con frasi filosoviche e altre minchiate......rispondete

E' vero che la stragante maggioranza dei forestali.......si fa i turni e poi lavora in nero?
E' vero che molti di questi non voglio essere messi in regola perche altrimenti perderebbero la forestale?
E' giusto questo?
non aprite un dibattito con migliai di parole siate concreti
volete sapere la mia
per me non è giusto è uno schifo.....
nella società dell'avere io voglio essere

Offline SC

  • Administrator
  • Scrittore del Forum
  • *****
  • Post: 3.061
  • Sesso: Maschio
  • Ci si impegna e poi si vede
    • Google Profile
il problema è solo uno parlate parlate parlate...ma di cosa invece di attacarvi fra di voi con frasi filosoviche e altre minchiate......rispondete

per rispondere bisogna fare le domande



E' vero che la stragante maggioranza dei forestali.......si fa i turni e poi lavora in nero?




E' vero che molti di questi non voglio essere messi in regola perche altrimenti perderebbero la forestale?



E' giusto questo?
No

non aprite un dibattito con migliai di parole siate concreti
volete sapere la mia
per me non è giusto è uno schifo.....

beh visto che vuoi essere + concreto di noi allora anche tu puoi rispondere alla domanda

ci sono 28 mila forestali per un lavoro che potrebbe essere svolto da un 1 terzo  e forse anche meno (forse anche da 1000)
tu alla luce di queste delle TUE AFFERMAZIONI  firmeresti il foglio di licenziamento per 22 mila persone?

io ho già detto che questo coraggio non ce l'ho, è un mio limite CONCRETO bisognerebbe fare così ma non lo saprei fare , TU invece?


Informa anche tu con Openjournalism
----------------------
Così scrivo secondo le mie idee personali

Così come Amministratore del Forum
Regolamento

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 

Facebook Comments

Link Consigliati:
Portale turistico per le vacanze a Siracusa e Provincia - vacanzesiracusa.com

Increase your website traffic with Attracta.com
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente FORUM, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sar� aggiornato senza alcuna periodicit�. Non pu� pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite, non sempre ma in massima parte, sono tratte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse.Il Gestore del FORUM, non � responsabile del contenuto dei commenti ai post, n� del contenuto dei siti "linkati"

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!